PENSIERI IN LIBERTA' - IL PALLONE ED IL CORONAVIRUS

26.05.2020 21:36 di Il pensiero di Demis   Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
PENSIERI IN LIBERTA' - IL PALLONE ED IL CORONAVIRUS

PENSIERI IN LIBERTA' - IL PALLONE ED IL CORONAVIRUS

- Il Mondo del Pallone,come altri settori sta vivendo il periodo più nero della Storia della Vita.
- Solo chi ha più di 80 anni può raccontare di aver vissuto qualcosa di simile durante il periodo della Grande Guerra.Oggi,crediamo che,il Nemico è molto più agguerrito e cattivo.
- PROBABILMENTE NULLA SARÀ COME PRIMA!
- Il Calcio,prima del Coronavirus,viveva in una "campana di vetro",dove, spesso,la realtà era vicino ai sogni.
- Oggi ci sono pochissime certezze ed infiniti dubbi.
- Tante squadre non sanno se ed in quale categoria giocheranno il prossimo campionato.
- Le squadre professionistiche,in modo particolare quelle di serie A e di serie B, potranno,ancora,puntare ad iscriversi ai campionati di competenza;la serie C, certamente,con tante molte difficoltà.
- Tante squadre dei Campionati Dilettanti rischiano di non avere più le possibilità di ripartire e piangono e rimpiangono tutti gli sforzi fatti nel 2019/2020 poiché vedono sfumare gli investimenti e gli sforzi fatti in questo periodo.
- Purtroppo,nel Calcio come nella Vita,spesso,dove c'è business c'è meno Poesia e,quindi,pur mettendo tanta passione,ci sarà tanta preoccupazione per il progressivo depauperamento tecnico della squadra,senza potercela prendere con qualcuno.
- Insomma,"AVEVAMO L'ORO IN MANO E NON CI È RIMASTO NULLA"!
- Speriamo,comunque, che la Poesia possa sopravvivere al business e che si possa tornare a vivere quel "pathos" che solo il Calcio,a tutti i livelli,può regalare.
- Basta una giocata da maestro,di un passaggio illuminante,un gol,che rappresentano il paradigma per eccellenza dello Sport,per mandare alle stelle l'entusiasmo dei tifosi.
- Questi sono gli attimi di congiunzione tra il calciatore,i compagni,i tifosi.
- Fortunatamente,ancora oggi,possiamo parlare di Calcio,grazie ad un uomo,GABRIELE GRAVINA,uomo delle Istituzioni (Presidente di società,Capo Delegazione delle Nazionali,Presidente di Lega,Presidente Federale) che,lottando come un leone,anche contro l'evidenza,che ha fatto arrendere diverse Federazioni Italiane,Europee e Mondiali,sta portando avanti il principio del Merito sul Campo.
- Gabriele Gravina sta cercando,con tutte le sue forze,di far sì che il Calcio continui ad essere Poesia nel Gioco,nella partita,nei Campioni che partecipano alle gare.
- Sta cercando di superare tutti gli ostacoli di chi pensa esclusivamente al business, al fatturato,ai conti,ai debiti accumulati,cercando di trovare come fare per ridurli,trasformando la pandemia in opportunità.
- Vedremo,quindi,quasi sicuramente,assegnato lo scudetto sul campo,la vittoria di campionato,le retrocessioni,purtroppo,anche se i campionati finiranno al agosto.
- Ad oggi,il Presidente Gravina,sta vedendo il trionfo della sua linea di condotta che porta avanti dall'inizio della pandemia:in qualsiasi campionato ci saranno promozioni e retrocessioni,stabiliti in base a criteri meritocratici e,cioè,in base ai risultati sul campo.
- Male che vada,dopo averle tentate tutte,se tutto ciò non fosse possibile,se costretti dal Fato e dal Virus,si potrebbe pensare ad un congelamento delle classifiche.
- Ad oggi la FIGC non ha fermato nessun Campionato Professionistico e,grazie all'articolo 218 del decreto "Rilancio",potrà avvalersi dei pieni poteri per adottare l'annullamento,la prosecuzione,la conclusione del Campionato e con la definizione,consequenziale,delle classifiche ed all'organizzazione ed alla composizione,con le relative modalità di svolgimento,dei prossimi campionati 2020/2021,evitando qualunque ricorso alla giustizia ordinaria.
- Lasciamo,quindi,lavorare in pace il Presidente Gravina che, ad alcuni,poteva sembrare all'inizio "Don Chisciotte contro i mulini al vento".
- LUI SA QUALE È IL DA FARSI PER IL BENE DEL CALCIO ITALIANO.