LE PAGELLE DELLA REGGINA - Guarna incerto, squadra rinunciataria

07.11.2020 18:26 di Valerio Romito   Vedi letture
LE PAGELLE DELLA REGGINA - Guarna incerto, squadra rinunciataria

GUARNA 5 – Grosse responsabilità sul vantaggio empolese in cui sbaglia il posizionamento, per un errore che rappresenta il crocevia per la disfatta finale

LOIACONO 5 – Sbaglia l’uscita sul mancato fuorigioco e spiana la strada al raddoppio dei padroni di casa, e anche sul terzo il tentativo di chiusura è più irruente che efficace

GASPARETTO 6 – Non è completamente immune da colpe sulla “distrazione di massa” di inizio ripresa, ma nel complesso appare il difendente più incisivo

ROSSI 5,5 – Al rientro da titolare, i primi 45 minuti sono incoraggianti, ma dopo l’intervallo pronti via e si perde Mancuso, forse ingannato dal movimento del suo portiere

DELPRATO 5,5 – Oggi è schierato come quarto di destra ma per caratteristiche tende ad abbassarsi troppo, favorendo le incursioni mancine avversarie (DAL 65’ SITUM 6 – Ha il merito quantomeno di provare a spingere, anche se a quel punto la gara appare già compromessa)

BIANCHI 5,5 – In una gara “sporca” gran parte del lavoro oscuro spetta a lui, tampona finché può e fin quando il fisico lo sorregge (DAL 75’ VASIC S.V.)

CRISETIG 5,5 – Appare insolitamente avulso dalla manovra, bisogna capire se dipende dall’atteggiamento generale o viceversa (DAL 65’ DE ROSE 5 – Gli manca completamente il ritmo gara, in queste condizioni si fa fatica a riconoscere in lui uno dei condottieri dello scorso anno)

DI CHIARA 5,5 – Per fisicità e corsa non ha niente da invidiare a nessuno, ma la precisione continua a latitare in rapporto a quanto ci si aspetta da lui

BELLOMO 6 – È l’unico che ci prova sia in ripartenza che nel cercare la porta avversaria, ancora una volta si ha la sensazione che la sua sostituzione sia assolutamente intempestiva (DAL 65’ MASTOUR 5,5 – La buona notizia è che non si perde in fronzoli giocando facile, la cattiva è che non riesce a dare una scossa al gioco offensivo)

RIVAS 6 – Buttato nella mischia dal primo minuto per evidenti necessità di formazione, parte discretamente ma la mancanza di condizione non gli consente più di tanto, e non ne ha colpa (DAL 46’ FOLORUNSHO 6 – Una delle sue percussioni favorisce una potenziale buona occasione per impattare il punteggio, va a folate ma trova poca collaborazione)

DENIS 5 – Gioca a distanza siderale dalla porta avversaria, se il problema è di tipo mentale non è certo così che riuscirà a dare una svolta alla propria stagione

TOSCANO 5,5 – Il tecnico rivoluziona l’undici iniziale per motivi tattici ma soprattutto per necessità, ciò che però colpisce in negativo è un atteggiamento eccessivamente rinunciatario che non appare nelle corde delle caratteristiche dei suoi ragazzi ma soprattutto nello spirito che ci ha abituato a vedere in campo, stavolta la sosta appare quanto mai opportuna per leccarsi le ferite e ricaricare le pile