MERCATO, La situazione dei fratelli Viola

01.08.2010 17:23 di Giovanni Cimino   Vedi letture
MERCATO, La situazione dei fratelli Viola

Sono praticamente giornaliere le voci su un trasferimento di Nicolas e Alessio Viola verso altri club. Sono molti gli organi d'informazione che li inseriscono in trattative più o meno veritiere, ma è necessaria una presa di posizione sui loro "casi".

A rigor di logica, la Reggina non vuole privarsi dei due, di cui almeno Nicolas risulta essere un titolare pressochè fisso. Alessio, adirittura, è forse l'unica certezza del reparto d'attacco, privo di un uomo che la serie B la "mangia a colazione". Quest'ultimo ha dato ottime indicazioni ad Atzori, a cui spetterebbe la riconferma del giovane attaccante, però in un contesto tempestato dalla rosa abnorme, potrebbe rientrare nell'ordine delle idee una sua cessione. Ma questo sarebbe uno scenario apocalittico per la Reggina, che non sarebbe riuscita a togliersi dal groppone gli ingaggi onerosi e quindi costretta a cedere i pezzi migliori dei vivaio del Sant'Agata. Non vogliamo prendere in considerazione questa cosa, sarebbe molto molto preoccupante.

Noi facciamo fede sempre all'intervista realizzata da Tuttoreggina al procuratore di Alessio, che ci ha ricordato come ogni decisione sul suo futuro spetta esclusivamente alla Reggina e non è un'affermazione banale questa. Se la Reggina vuole tenerselo, Alessio resta ben volentieri, se la Reggina vuole mandarlo altrove, lui è pronto a trasferirsi. In parole povere, il calciatore non spinge per andarsene, ma la sua volontà è quella di restare in amaranto. Di riflesso, tutte le voci che lo riguardano, ad ora sono poco realistiche o praticabili e chi parla di imminente svolta, non fa altro che sbagliarsi, perchè non sta certo a cuore alla società la cessione di Alessio.

Se il più piccolo dei fratelli Viola rimarrà in riva allo Stretto, figuriamoci Nicolas. Il suo nome è stato accostato molto superficialmente ad altre squadre, anche di Lega Pro. In questa situazione, in un contesto calcio travolto da una pesante crisi economica, cedere Nicolas, per di più in una serie inferioere, equivarebbe a porsi un grosso cappio intorno al collo ed aspettare che si restringa. E la Reggina è abbastanza furba e scaltra da non operare in tal senso.

In attesa di ulteriori precisazioni sulle posizioni dei due fratelli, ad oggi possiamo tranquillamente smentire le presunte trattative in corso che li riguardano.