IL MERCATO DELLA REGGINA: DUE "REGISTI" DIETRO LE QUINTE, LE SCOMMESSE DEL DS

06.10.2020 10:45 di Antonio Marino   Vedi letture
IL MERCATO DELLA REGGINA: DUE "REGISTI" DIETRO LE QUINTE, LE SCOMMESSE DEL DS
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

Il voto per il mercato della Reggina è certamente positivo. Due i registi principali delle trattative, il patron Gallo e il tecnico Toscano.

Il proprietario ha certamente messo a disposizione moneta sonante per concludere trattative importanti come quella di Menez, Cionek, Di Chiara, Rivas, per citare quelle che comportano o comporteranno un esborso economico importante, ma anche "titoli" per favorire le uscite di alcuni elementi che hanno trovato altre squadre, titolari di accordi oltremodo onerosi.

Il tecnico, invece, ha avuto voce in capitolo nella costruzione della squadra, come chiesto in sede di rinnovo contrattuale. Ad onor del vero, va detto che certamente il ds ha assecondato le richieste tecnico-tattiche del mister.

Menez è innanzitutto il regalo di Gallo per il suo giocattolo amaranto: lo sanno anche i muri che l'opera di persuasione, come come accaduto con Rami, è stata esercitata dal patron, che poi ha messo sul tavolo i giusti argomenti per far accettare la destinazione al francese.

In porta si è puntato molto sulla voglia di riscatto di Plizzari, ancora giovanissimo, ma con alle spalle le retrocessioni a Terni e Livorno: l'estremo scuola Milan deve "grattare" un pò di ruggine, si è visto nelle prime due gare di campionato. Considerando che il ds è un ex portiere di valore assoluto, c'è fiducia che la scelta non è vana.

La difesa è forse il reparto già amalgamato e che offre garanzie. Loiacono-Gasparetto-Rossi hanno mai raggiunto un livello d'intesa eccellente. Cionek è il tassello che in termini di esperienza e qualità serve a completare il reparto: certamente è duello in casa tra lui e l'ex Ternana, che evidentemente ha fatto breccia nelle gerarchie di Toscano.

Politica intelligente sugli esterni. Rolando e Liotti offrono ampie garanzie, Situm e Di Chiara potenzialmente innalzano la qualità. Tanta curiosità di capire come verrà impiegato il croato, che può fare tutti i ruoli a destra e a sinistra e giocare anche da attaccante.

Crisetig si sta rivelando l'innesto più importante in mezzo, Faty piano piano però inizia ad entrare in forma. Bianchi è un unicuum, per caratteristiche, dell'organico. Folorunsho una scommessa e non un azzardo: il calciatore italo-nigeriano ha doti e qualità tecniche, paradossalmente meglio la B che la C per dimostrarle.

Bellomo, Rivas e Mastour confermati sulla trequarti. L'ex Milan può essere la sorpresa, le premesse sono importanti, su Bellomo ci si aspetta una stagione di livello e su Rivas c'è da attendere che possa tornare a disposizione.

In attacco, Menez può ripetere l'exploit di Denis della scorsa stagione, la sensazione è che il francese sia davvero sulla strada giusta. Si attendono riscontri su Lafferty e Vasic, mentre per Charpentier se ne parlerà più in là: forse per alzare di mezzo voto il giudizio complessivo, sarebbe stato perfetto chiudere per un attaccante che potesse dare immediate garanzie: ma non resta che attendere il riscontro del campo, anche sullo svedese pescato dalla B del paese scandinavo e presentato come la scommessa del direttore sportivo.

VOTO - 7,5