L'angolo dei tifosi, Reggina, la lunga attesa amaranto: le vostre mail

15.06.2022 19:25 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
L'angolo dei tifosi, Reggina, la lunga attesa amaranto: le vostre mail
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Scialla

La Reggina spera di restare in vita con l'intervento di qualche investitore, ma deve fare i conti con l'assoluto disastro degli ultimi tre anni. Si attende la risposta definitiva nelle prossime ore, il tempo è davvero minimo, se non quasi scaduto. 

Dite la vostra anche sul momento e sulle prospettive future del sodalizio amaranto: scrivete alla mail tuttoreggina@libero.it.

NB: la Redazione non è responsabile dei concetti espressi dai lettori

                                                                                                ----------------------------

Buongiorno, leggo sempre l'angolo dei tifosi e li capisco quando manifestano insofferenza per la lunga attesa. Però qui non si tratta di chiedere l'elemosina a "forestieri", come avete giustamente sottolineato voi, qui si tratta di rilevare un azienda complessa senza rischiare di finire in un pozzo di debiti senza fondo. Bisogna avere pazienza e, se tutto andrà per il meglio (tocchiamo tutto..) ringraziare l'imprenditore calabrese. Lo farà per dare lustro o visibilità alla sua azienda o per magari trarre profitto col calcio in tanti sensi. Io personalmente gli sarò grato se ci evita l'incubo dei dilettanti. Buttarsi a capofitto si rischia di sfasciarsi la testa. Speriamo di tornare presto a parlare di campo, di acquisti gol ecc. Un caro saluto

Renato

LA REDAZIONE RISPONDE: Renato, ricordiamoci l'esperienza Gallo, il quale è stato osannato e riverito dagli stessi che oggi lo rinnegano. E già sono pronti a farlo con il futuro nuovo proprietario: signor S stia attento!  Ringraziamo chi salverà la Reggina, quindi colui che mette i soldi, ma poi contano solo i fatti sul campo.

                                                                                                ----------------------------

Gentile redazione,credo di aver consumato le dita sul mio smart,seguo la mia amata  Reggina dal 1966,quando il mitico prof.Benedetto da Reggio  veniva a Gioia T ad inculcarci il colore amaranto,un buon risultato ed il lunedì  era festa assicurata a tutta la classe.Adesso seriamente il Signor Gallo visto che  certamente  sapeva degli spifferi a cui era  attorniato,non poteva magari pensarci prima e venire fuori a resta alta,vendendo la azioni e non far passare  tutto sto tempo nell'incertezza. Sono molto dubbioso sul futuro, abbiamo poco tempo,dal friuli siamo tantissimi a seguirvi, grazie a voi della redazione,che non siete mai stati trattati bene ....forse eravate troppo  chiari e diretti,una buonissima serata ,aspettiamo in tanti 

Luciano

LA REDAZIONE RISPONDE: Luciano, la ringraziamo di cuore per il suo messaggio. Effettivamente, negli ultimi tre anni ne abbiamo dovute sopportare di ogni e la verità fa male a chi ha la coscienza sporca: alla fine abbiamo visto chi aveva ragione. Qualora arrivasse il nuovo patron del club, si spera possa evitare la politica di accontentare tutti per portarli dalla propria parte o inserire gli amici degli amici. Non andiamo però troppo oltre con il pensiero, intanto si spera di poter festeggiare la salvezza extracampo, messa a repentaglio da una gestione veramente riprovevole.

                                                                                                ----------------------------

Spett.le Redazione, nella vs risposta ad un lettore avete, giustamente, scritto che l'operazione Reggina vale 30 mln e che a Reggio non c'è un imprenditore capace di una simile portata. Vero, uno solo no, ma più di uno si. L'unione fa la forza. La Reggina è una srl e potrebbe avere tanti soci. All'interno della società sono previste varie figure: presidente, vice presidente, amministratore delegato, tesoriere ecc. Posizioni che potrebbero essere ricoperte dai soci investitori, magari in relazione alla quota di partecipazione. Distinti saluti

Giorgio D 

LA REDAZIONE RISPONDE: Reggio non è città da collaborazione. Gli egoismi e le sovraesposizioni mediatiche sono più importanti del gioco di squadra e questo in ogni ambito. La storia della Reggina dopo il 2015 ne è la testimonianza. Non era questo il momento giusto per un investimento tutto reggino.