Il bestiario della deriva social e la necessità di esercitare debitamente le proprie prerogative

08.05.2021 08:15 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Il bestiario della deriva social e la necessità di esercitare debitamente le proprie prerogative
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

Il pettegolezzo e l'illazione corre purtroppo veloce sul web. Le parole e le falsità feriscono, questo è inequivocabile. Noi, come giornalisti, mettiamo sempre davanti a tutto la buona fede e l'onestà intellettuale. 

Gli errori di pensiero o di valutazione ci possono stare, tacciare di "anti-Reggina" una Testata come TuttoReggina o giornalisti che seguono la squadra da decenni e in qualsiasi categoria, è una carognata delle peggiori. 

La Reggina è un qualcosa di intangibile che va sopra le teste di chiunque, le società, i presidenti passano e i primi a saperlo sono proprio loro. L'Amore è intaccabile, se poi, nel nostro mestiere ci tocca anche operare delle critiche e ci tocca segnalare delle storture, questo non significa essere anti-qualcosa o anti-qualcuno: essere anti lo lasciamo a chi opera continuamente in tal senso. Il giornalista-tifoso è un ossimoro a tratti inaccettabile, sopratutto se esasperato all'accesso e definibile servilismo puro e crudo.

In questi tempi di analfabetismo disfunzionale imperante è proprio così difficile capirlo? Le critiche fanno parte anche del nostro lavoro, la cattiverie gratuite e immotivate non dovrebbero invece appartenere in una società civile, consci però che si tratta di utopia nell'epoca della melma rovesciata digitalmente. Se poi si critica perché lo fanno gli altri, beh c'è solo da alzare le mani...

I fatti vanno raccontati, nel bene e nel male, le domande importanti vanno fatte senza richiedere l'espulsione dai consessi fisici e virtuali, le segnalazioni di situazioni palesemente sbagliate vanno riportare e meritano adeguato approfondimento e ognuno deve svolgere il proprio ruolo, senza sentirsi moralmente superiori nel voler imporre le proprie prerogative: i giornalisti fanno (o almeno dovrebbero fare) i giornalisti, i tifosi devono fare i tifosi, i dirigenti i dirigenti, i giocatori i giocatori e così via...