L'angolo dei tifosi, Reggina, polemiche e scontri: le vostre mail

10.07.2022 18:20 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
L'angolo dei tifosi, Reggina, polemiche e scontri: le vostre mail
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giuseppe Scialla

Il salvataggio della Reggina è varato, la complessa operazione si è rivelata fruttuosa e si spera adesso si possa voltare pagina dopo lo scempio degli ultimi anni. Adesso si può tornare a pensare al campo e iniziare ad assaporare le cose di campo, iniziando dal calciomercato. Giorni caldi sul fronte della programmazione sportiva.

Dite la vostra sulle prospettive future del sodalizio, su cosa vi aspettate adesso dalla nuova gestione societaria: scrivete alla mail tuttoreggina@libero.it.

                                                                                     ----------------------------

Il tifoso vorrebbe sempre tutto e subito . Il tifoso impari a fare il tifoso ,non il presidente il Ds o l allenatore.. 

Non dimentichiamoci da dove arriviamo, da una stagione difficile sotto l aspetto tecnico ma soprattutto sotto l aspetto societario. 

Io credo che  il nuovo proprietario Felice Saladini oltre a metterci la faccia sta investendo dei soldi x il futuro della società ma in particolare x la città e x i reggini , quindi dobbiamo avere fiducia e non criticare ogni minimo movimento.

Siamo in ritardo si ,rispetto ad altre società, ma sappiamo anche il motivo...

Il tifoso porti pazienza ,perché x il tifoso è sempre tutto troppo semplice....

Forza reggina sempre...

Nicola

LA REDAZIONE RISPONDE: Sopratutto il tifoso deve capire chi tra gli addetti ai lavori vuole solo arruffianarsi le simpatie e chi invece mette la Reggina davanti a tutto: e in pochississsssimi hanno messo la Reggina davanti alle proprie esigenze personali. 

                                                                                     ----------------------------

Gentilissima redazione, ve lo dico con franchezza, questa non ci voleva proprio.

Sembra che la Reggina, evitato l'inciampo massimo, voglia fare piazza pulita della gestione precedente, con lo sguardo solo alla parte economica.

Ora, d'accordo che dopo quello che abbiamo rischiato, l'equilibrio finanziario sia stato messo al primo posto.

Detto questo però in campo non ci andrà nè Martino ( su cui nutro forti dubbi, perché le minestre strariscaldate non hanno mai funzionato ; inoltre il signore ha anche una certa età in cui l'entusiasmo, in generale,tende a diminuire ) nè Cardona nè Saladini.

No, in campo ci andranno i GIOCATORI, che speriamo siano scelti guardando il futuro e con la massima oculatezza, senza strafare con i Menez di turno, perché abbiamo già dato.

In ultimo mi permetto di dire la mia su Stellone, senza voler anticipare discorsi e contesti che ancora nessuno conosce ; lungi da me parlare di cose che non so.

Dalle dichiarazioni, come sempre, ognuno declama la sua verità, normale che sia così. Ma tutti sappiamo che il tempo è sovrano, aspetto il momento di sapere qualcosa di più.

Ciò che mi lascia basito è che sia TAIBI , che in questi anni ha sempre dato il massimo e porta tatuato il colore amaranto, sia stato sbertucciato come l'ultimo dei D.S., sia STELLONE che in poco tempo ha dimostrato di essere un tecnico con le idee chiare, preparato, e con la giusta empatia che oggi è fondamentale per gestire un gruppi di lavoro, in qualsiasi campo.

Per me, dopo il necessario risanamento di cui siamo grati al presidente lametino, abbiamo sbagliato su 2 figure fondamentali, e mi ripeto, vedremo chi avrà ragione.

Purtroppo a Reggio, come si usa dire, se n'è facciamo una giusta è già tanto.

Via saluto calorosamente, mi scuso per la lungaggine e vi lascio con il nostro " amaranto alè ".

Maurizio

LA REDAZIONE RISPONDE: Non possiamo giudicare una società di calcio, e di riflesso i nuovi dirigenti, senza averli visti all'opera "sul campo". Non crediamo in amori sfolgoranti dei professionisti verso una squadra che non è della loro città d'origine, la Reggina la amano i tifosi, sopratutto quelli che la seguono senza secondi fini.

                                                                                     ----------------------------

Redazione buongiorno e buona domenica.

Se tutti noi pensavamo di poter parlare, finalmente, solo di calcio giocato siamo rimasti ampiamente delusi ed in soli 20 giorni la nuova dirigenza mi sta facendo rimpiangere la precedente gestione (ovviamente mi riferisco al solo aspetto tecnico)

Vorrei condividere con voi alcune mie considerazioni. Stellone ha detto che se ne va.

Indubbiamente ci sono tanti allenatori bravi in giro ma non viene in mente che forse molte trattative pronte per essere definite erano state condotte in accordo con lui e pertanto si rischia che il nuovo allenatore non le condivida con la conseguenza di aver perso ulteriore tempo? E già siamo in abbondante ritardo.

Poi leggo che il presidente dice che l'allenatore voleva confermare 3 soli giocatori mentre stellone ne voleva confermare 10.

Partendo dal presupposto che io non posso conoscere la reale situazione uso la logica: quale allenatore che voleva smantellare l'intera rosa sarebbe stato confermato?

A questo punto, dovendo fare la squadra ex novo, si poteva confermare aglietti che era già a libro paga e che prima dei casini di novembre era comunque al secondo posto.

Per cui mi sa che cardona sta offendendo la ns.intelligenza, forse imbeccato da quello che credo sia il vero artefice dei problemi. E qui la colpa è, inutile nascondersi, di saladini.

È vero, i soldi li mette lui, ma se con le sue scelte scellerate ha trasformato la reggina in una polveriera forse era meglio che se li risparmiava anche perché sappiamo bene cosa potrebbe succedere in caso di retrocessione.

Detto ciò aspetto impaziente la campagna abbonamenti ed anche se dovessimo giocare con una rosa di ventenni sarò sempre in curva a sostenerla.

Saluti

Stefano

LA REDAZIONE RISPONDE: Non è stata gestita bene la questione tecnica, ma è altrettanto grave che un tecnico scelga una tribuna stampa per aizzare ulteriormente gli animi dei tifosi. E Stellone, con il massimo rispetto, non può "sentirsi" più importante del presidente del club o del direttore generale. Servirebbero adesso scelte nette e chiare, anche impopolari.

                                                                                     ----------------------------

Buongiorno gentilissima Redazione,il grande tragediante di Martino è riuscito a mandar via Stellone,ora andrà via anche Taibi ,il presidente non vedeva l'ora,....alla faccia di tutti noi tifosi.Bravissimi avete raggiunto il  risultato che era prefissato fin dal vs insediamento.E' un mese che prendete in giro la città. Ma contemporaneamente avete raggiunto un altro risultato e cioè quello di avermi fatto passare la voglia di fare l'abbonamento.Complinenti,avete appena perso un abbonato.Fate pena e rabbia,mi rammarica pensare che la Reggina sia in mano a gente incompetente come Martino,licenziato da Foti,Praticò,  dallo stesso Saladini a Lamezia,con lui andremo dritti dritti in serie C.

Si stanno coprendo di ridicolo.

Spero che la serata dei calendari 2022/23 previsto all'arena sul lungomare , sia un momento in cui i tifosi possano far sentire la loro voce.

Grazie Martino per avermi fatto passare la voglia di andare allo stadio.

Angelo

LA REDAZIONE RISPONDE: Abbiamo pubblicato questa manifesto dell' anti-Reggina. Lei tifa o non tifa Reggina in base alla presenza di qualche persona in dirigenza? Lei non è un vero tifoso della Reggina. E facciamo gli scongiuri per il suo auspicio della serie C. 

                                                                                     ----------------------------

Buongiorno, 

Oggi non si parla altro che di Mr stellone... Non ho voglia nemmeno di perdere tempo a parlarci, presa la sua decisione mister? Grazie di tutto, qualcuno che si sieda su quella panchina,per quanto scomoda, verrà trovato... 

Qua chi si alza fa il fenomeno, magari questo voleva il premio per aver salvato la reggina... La squadra si è salvata da sola perché obiettivamente era forte, avrebbe dovuto dire grazie per aver avuto una panchina in un momento in cui non lo voleva nessuno... E ora che ti offrono il rinnovo, rifiuti per motivi tecnici? Chiunque avrebbe capito che dopo una estate tormentata e una iscrizione a fil di sirena, non si poteva aspettare una stagione da protagonista... Cosa voleva Mr stellone? Non solo, aggiungo che se le condizioni non piacciono si può andare via da signori, senza fare proclami e dichiarazioni che fanno male... Bisognerebbe fare tutti un bagno di umiltà, qua ci si sveglia e si sente fenomeni... Gli auguro di trovare il real Madrid, sicuramente più consono alla persona stellone, noi abbiamo cose più serie a cui pensare, un campionato da preparare, mercato, ritiro e tutto il resto... 

Un saluto a tutti. 

Paolo

LA REDAZIONE RISPONDE: Stentiamo a ricordare una presa di posizione pubblica da parte di un tecnico. Un'azione sbagliata e che ha aizzato i tifosi: male, male....

                                                                                     ----------------------------

Spett.le Redazione, per tre anni abbiamo avuto un solo Gallo che comandava (e ha fatto disastri), quest'anno mi pare ci siano troppi "galli nel pollaio" che vogliono comandare e così non va bene lo stesso. Per quanto riguarda l'allenatore, penso che il sig. Aglietti avendo un contratto fino al 2023, ha il dovere di lavorare per chi lo paga. Se non condivide il progetto, si dimetta (così la Reggina risparmia un anno di stipendio da utilizzare per un nuovo allenatore). Distinti saluti

Giorgio D 

LA REDAZIONE RISPONDE: Anche se sotto contratto, è normale che possa comunque esserci un confronto con la parte tecnica. Il resto sono aspetti burocratici.

                                                                                     ----------------------------

Alla luce di quanto emerso, leggendo sui vari siti, su quanto si è venuto a creare in merito alla situazione Reggina, al fine di recuperare un po' di credibilità in seno alla società e visti i tempi ridottissimi, l'unica soluzione che vedo è liberarsi del Direttore generale, che sembra essere elemento di rottura, e cercare di recuperare Stellone. Qualunque altra scelta a mio  modo di vedere creerebbe criticità non facilmente colmabili. I tifosi non sono stupidi e bisogna avere rispetto: trasparenza, onestà e correttezza, resterebbero solo parole, i fatti allo stato attuale li diniegano.

Fortunato da Torino

LA REDAZIONE RISPONDE: Ci spieghi, nei minimi dettagli, perché bisogna togliere un direttore generale nominato da 10 giorni. Ci illumini per cortesia. E ci spieghi anche perché questa nuova società, in carica dal 18 giugno, avrebbe perso credibilità. La verità è che ancora i nostalgici della vecchia disastrosa gestione sono ancora parecchi.