Eccellenza, il riepilogo delle gare della decima giornata: pokerissimo Cittanova, pareggi per Bocale e ReggioRavagnese

13.11.2023 18:05 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Eccellenza, il riepilogo delle gare della decima giornata: pokerissimo Cittanova, pareggi per Bocale e ReggioRavagnese

Decima giornata del campionato di Eccellenza, che vede la vetta solitaria del Sambiase, mentre in risalita la Cittanovese, che batte 5-1 la Morrone. Pari tra Palmese e Brancaleone, oltre che per Bocale e ReggioRavagnese.

CLICCA QUI - I RISULTATI della decima giornata del campionato di ECCELLENZA

CLICCA QUI - La CLASSIFICA AGGIORNATA del campionato di ECCELLENZA

Ecco il riepilogo delle gare:

CITTANOVA-MORRONE  5-1

Il Cittanova conquista la seconda vittoria consecutiva e continua a scalare la classifica del torneo di Eccellenza.

La Morrone approccia bene la gara. Sarpa dopo 7 minuti calcia di poco al lato dopo una bella manovra. Ma è solo un’illusione. Alla prima azione il Cittanova passa in vantaggio. Al 13’ Infusino entra in area, salta Falbo, supera anche Pellegrino e l’appoggia in rete. Al 18’ Condemi raddoppia per i padroni di casa. Il 10 del Cittanova tira in porta di prima intenzione e trova il bersaglio grosso dopo un recupero palla alto di un suo compagno di squadra,. Al 31’ arriva il 3-0 per il Cittanova. A segnare è Condomitti di testa, sugli sviluppi di un corner. A fine primo tempo altro errore in uscita della Morrone con Spanò che ruba palla e segna senza problemi il punto del 4-0 con il quale si chiude la prima frazione.

All’inizio ripresa la Morrone dà segni di vita. Il portiere di casa nega la gioia del gol prima a Nicoletti e poi a La Canna con uno splendido doppio intervento. Ma anche questa è solo una parentesi. Il Cittanova va vicino al quinto gol con il nuovo entrato Ricciardi che spara a lato da buona posizione. Poi al 23’ ancora Spanò a segnare il punto del 5-0, su assist sempre di Ricciardi. Il gol della bandiera della Morrone arriva al 39’ con un tiro cross di Mattia Barbieri che beffa il portiere di casa. Nel finale poi un paio di interventi di Pellegrino evitano il punteggio tennistico alla Morrone e chiudono la gara sul 5-1 per la Cittanovese.

BOCALE ADMO-ISOLA CAPO RIZZUTO  1-1

(ASD Bocale ADMO) - Per il Bocale ADMO la maledizione dell’Isola Capo Rizzuto prosegue ancora, nonostante un’ottima prestazione e un secondo tempo giocato quasi per intero nella metà campo avversaria, con gli ospiti mai pericolosi, il successo accarezzato e meritato sfuma quasi al 90′, quando un episodio consente agli ospiti di agguantare un insperato pareggio.

Gara giocata a buon ritmo, le due squadre si fronteggiano a viso aperto ma nella prima mezz’ora i portieri sono quasi inoperosi, dovendo compiere solo interventi di routine con alcuni palloni che arrivano sporchi tra le loro braccia. La prima parata degna di nota al 25′ la compie Marino, quando blocca centralmente il tiro scoccato da Andrade. Superata la mezz’ora il Bocale alza i giri del motore, Alegria e Tossi creano apprensione alla difesa ospite e al 38′ il risultato si sblocca: Alegria gestisce abilmente il pallone sulla trequarti, in girata serve in verticale Pietro Crea che taglia da sinistra con i tempi giusti, destro fulmineo e palla all’incrocio dei pali. Vantaggio biancorosso con la prima rete in Eccellenza del classe 2005, costruzione ed esecuzione di pregevole fattura. Crotonesi tramortiti dal gol subito, il Bocale prova ad approfittarne subito: 41′, Urruty scocca un destro ad effetto che gira sfiorando l’incrocio dei pali; passa un minuto e Alegria viene lanciato in velocità, salta il portiere e segna, ma la bandierina dell’assistente ferma tutto annullando la rete per un dubbio fuorigioco. Ultima emozione del primo tempo nel recupero con la deviazione di testa di Scoppetta che esce per un soffio oltre il secondo palo, con Barnofsky che arriva sul pallone in ritardo per una frazione di secondo. Al riposo è 1-0.

I biancorossi costruiscono molto, fanno tanto gioco e riescono a crea delle buone opportunità per raddoppiare. Al 4′ Picone calcia da fuori trovando la parata del portiere; al 13′, sugli sviluppi di un corner, Alegria sfiora la deviazione di testa e, dopo un rimpallo, tenta il tocco da distanza ravvicinata ma il portiere fa suo il pallone. Al 18′ Caseiro lascia il campo ad Arigò dopo aver conquistato un calcio di punizione dal vertice dell’area, calcia Tossi spedendo la sfera verso il palo lontano, Campoverde si allunga e con la punta delle dita evita la seconda rete del Bocale. Tossi ci riprova al 22′ con un sinistro dal limite che finisce sul fondo non di molto. Al 29′ l’episodio che pare spegnere le speranze dell’Isola già in difficoltà: Alegria sottrae il pallone a Godoy e prova a partire verso la porta avversaria, ma viene placcato dallo stesso centrocampista giallorosso che, già ammonito una decina di minuti prima, lascia la sua squadra in inferiorità numerica. Sarebbe il momento ideale per premere ancora di più sull’acceleratore andando a caccia del gol della sicurezza, mister Saviano prova a ottenerlo con forze fresche: entrano Guglielmo e Sapone per Tripodi e Crea, poi c’è anche l’esordio di Dardiki, subentrato a Tossi. Nonostante ciò, il Bocale non riesce a sfruttare l’uomo in più, gli ospiti provano ad affacciarsi dalle parti di Marino e al 43′ un tiro senza pretese di Klopp trova sulla traiettoria il braccio di Urruty; episodio davvero sfortunato e senza esitazioni, il signor Piciucco di Campobasso indica il dischetto, Zicchinello trasforma ammutolendo il “Pellicanò” portando i suoi sul risultato di parità. Mister Saviano si gioca la carta Cormaci per Urruty per tentare un assalto finale che genera un paio di mischie e un tentativo in rovesciata dello stesso calciatore, tuttavia il fortino eretto da mister Mesiti a difesa del pari regge e al triplice fischio l’Isola Capo Rizzuto festeggia come avesse vinto, mentre il Bocale recrimina con se stesso per aver gettato al vento due punti, nonostante una prestazione di spessore.

PALMESE-BRANCALEONE  1-1

Il Brancaleone vede sfumare all'ultimo secondo una vittoria che l'avrebbe riproiettata nelle zone alte di classifica. 

La zampata vincente di Militano al 95’ha fatto da pari all’eurogol messo a segno sempre nel corso della seconda frazione di gioco, dall’esperto Giovanni Galletta che con maestria ha piazzato sotto il sette l’unico pallone giocabile ricevuto nel secondo tempo. 

La squadra di Crucitti ha reclamato per un calcio di rigore, ma l'arbitro ha lasciato proseguire.

GIOIOSA JONICA-SORIANO  1-1

Il Gioiosa Jonica rallenta il Soriano, che perde il primo posto che condivideva con il Sambiase.

La squadra di Figliomeni riesce a chiudere la prima frazione in vantaggio grazie al gol messo a segno da Khanfri al 22’. Nella ripresa gli ospiti vanno in avanti alla ricerca del gol del pareggio che arriva al 57’ grazie a Fioretti bravo a deviare in rete un tiro dalla distanza di Raso, al 59’ il Gioiosa ci
prova con Tromba che da buona posizione calcia fuori. Al 76’ il Soriano ha una grande occasione per portarsi in vantaggio con Rotolo che si trova solo
davanti a Commisso ma calcia clamorosamente fuori.  Al 81’ sono i padroni di casa ad avere l’occasione per portarsi in vantaggio bella azione di Jessiman sulla destra che serve un pallone a centro area per Ferrara che vede la sua conclusione a colpo sicuro respinta da un difensore ospite. 

SCALEA-REGGIORAVAGNESE  0-0

Reti bianche e un punto a testa per Scalea e ReggioRavagnese, le squadre restano a metà classifica, a breve distanza dalla zona playoff ma con la zona rossa dietro l'angolo.

Al 34' il sinistro di Verduci è respinto in tuffo dal portiere. Nella ripresa al 55' occasionissima per la ReggioRavagnese. Osso perde una
palla in uscita, Verduci entra in area dopo l'uno due con Franzó ma dal dischetto del rigore calcia malamente alto. Al 79' Calandra decisivo su Battaglia che calcia a tu per tu con il portiere bravo a rimanere in piedi e a deviare.

STILOMONASTERACE-PAOLANA   1-0

Dopo un mese, lo StiloMonasterace torna alla vittoria. Allo StiloMonasterace serviva vincere, sono tre punti che muovono la classifica, ma soprattutto per il morale data la situazione che si era venuta a creare dopo quattro pareggi di fila e una sconfitta.
Gara decisa nel forcing finale, Mateucci metteva su un piatto d'argento un invitante assist per Giuseppe Papaleo che da due passi depositava in rete