PENSIERI IN LIBERTÀ - UN GESTO DA IMITARE

05.07.2020 14:10 di Il pensiero di Demis   Vedi letture
PENSIERI IN LIBERTÀ - UN GESTO DA IMITARE

PENSIERI IN LIBERTÀ DI.......DEMIS

- Spesso sentiamo che le persone che incontriamo per strada,gli amici che frequentiamo,si "lamentano" che "il Mondo è cambiato" in peggio rispetto al passato di qualche decennio fa.
- Le frasi più frequenti sono "non c'è più rispetto per gli altri";"la gente è diventata cattiva";"la dignità è diventata una dote rara";"l'onesta' è scomparsa dalla mente delle persone";"ognuno pensa come poter fregare gli altri" e tante altri pensieri che rappresentano in "toto" o in parte lo "STATUS SOCIALE" che stiamo vivendo.
- In questo contesto,dove,ahimè,anche la morte "scivola addosso",se ci si sofferma un attimo a valutare il comportamento delle persone si nota che la gente,"in fondo,in fondo" sogna un "mondo diverso" che,purtroppo,spesso viene respinto da quanto ci circonda,portando le persone ad alzare "una muraglia"per difendersi dalla ineducazione,dalla strafottenza,dalle prevaricazioni,anche se sono manifestate "solo" con gesti e parole che,spesso,portano gli altri,socialmente parlando,a "chiudersi a riccio".
- Forunatamente,ogni tanto,apprendiamo che qualcuno fa gesta(?) gesti(?) che fanno riflettere ed illuminano la speranza che ci possa essere,nel futuro,un Mondo migliore.
- A tal proposito ci fa piacere segnalare un fatto che è avvenuto a Trieste qualche tempo fa:
- un bambino di 11 anni ha lasciato un biglietto sulla veranda del vicino con questa frase scritta:" mi scusi per la pianta,l'ho colpita accidentalmente con un pallone da calcio.Ecco 5 euro per il danno".
- Questo bambino si è sentito in colpa per aver danneggiato una pianta e,oltre a chiedere scusa,ha lasciato un biglietto e una banconota per rimborsare il danno che aveva arrecato.
- Ci rendiamo conto del GESTO SUBLIME da parte di un bambino di 11 anni?
- Mentre noi adulti,ogni giorno,assistiamo,spesso,imperturbabili a tanti gesti vandalici (dal parcheggiare nei posti dedicati ai diversamente abili,all'imbrattare le statue ed i muri cittadini;dall'urtare le macchine in sosta ed andare via senza lasciare un biglietto; ad occupare aree dove qualcuno ha pagato per utilizzare la sosta;dal buttare la spazzatura dal finestrino della macchina a lasciare in strada suppellettili vari;dall'attraversare le strade senza passare sulle strisce pedonali alla sosta selvaggia,soprattutto il sabato sera con il totale disinteresse di tutti.Ci fermiamo qui,scrivendo tutto ciò che ci viene in mente in questo momento,perché dilungarsi significherebbe "scrivere un libro".
- In questo contesto urbano un bambino di 11 anni ci ha dato una "lezione di vita" ed ha espresso un pensiero ed un comportamento morale che ci dovrebbe far riflettere sempre in ogni momento della nostra giornata,"ieri,oggi e domani".
- La lezione ci indica e ci dovrebbe insegnare che bisogna sempre aver rispetto delle prospettive altrui,capire il valore di ciò di cui altri si prendono cura,essere e dimostrarsi responsabili,assumersi sempre il carico non solo dei propri comportamenti,ma anche dei propri pensieri e dei propri sentimenti.
- Infine sentiamo l'obbligo ed il piacere di ringraziare il Direttore di TUTTOREGGINA che ci dà la possibilità di trasmettere agli altri i nostri.....pensieri.
- Se il pensiero di oggi lo leggeranno in tanti vuol dire che la nostra " SPERANZA DI VEDERE E VIVERE UN MONDO MIGLIORE POTRÀ DIVENTARE REALTÀ"