La Viterbese non ci sta, il patron Romano: "Ieri ennesima svista arbitrale: umiliato, offeso e senza parole"

09.12.2019 18:52 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
La Viterbese non ci sta, il patron Romano: "Ieri ennesima svista arbitrale: umiliato, offeso e senza parole"

Il patron della Viterbese, Romano, tramite un comunicato stampa, ha inteso protestare per la decisione arbitrale della gara di ieri sul campo della Reggina.

La Viterbese, qualche settimana fa, aveva presentato una formale protesta in Lega per le decisioni arbitrali:

Abbiamo deciso di non protestare più, i nostri appelli non sono serviti a nulla. Le ripetute ingiustizie subite sono evidentemente la normalità e il destino della nostra Viterbese non interessa a nessuno. Abbiamo deciso di protestare in silenzio, sperando che questo diventi assordante per tutti quelli che ci stanno facendo del male. Io come Presidente domenica mi sono sentito umiliato, offeso e senza parole difronte ai miei giovani calciatori che erano disperati per aver perso una partita giocata in modo perfetto, a causa dell’ennesima svista arbitrale sul finire della partita. Siamo stufi di subire dei torti e per protestare nei confronti delle istituzioni abbiamo deciso di non partecipare all’incontro del 19 dicembre con gli arbitri. Invitiamo tutti a riflettere e che il nostro silenzio sia sempre più assordante e faccia riflettere le autorità preposte