LIVE TUTTOREGGINA! CONSIGLIO FEDERALE, ADESSO E' UFFICIALE: LA REGGINA E' IN SERIE B!

PER AGGIORNARE LA PAGINA PREMERE F5 O EFFETTUARE il REFRESH della PAGINA
08.06.2020 15:10 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
LIVE TUTTOREGGINA! CONSIGLIO FEDERALE, ADESSO E' UFFICIALE: LA REGGINA E' IN SERIE B!

ore 16.10 - UFFICIALE: LA REGGINA E' IN SERIE B! Arriva la comunicazione ufficiale della FIGC dopo il Consiglio Federale: Monza, Vicenza e Reggina sono promosse in serie B

ore 15.45 - Il Consiglio Federale FIGC ha dato il via libera al salto in C di  Mantova, Grosseto, Lucchese, Pro Sesto, Matelica, Bitonto, Palermo, Campodarsego e Turris

ore 14.25 - Sempre Sky, annuncia le ulteriore decisioni in serie C, che ripartirà con la disputa di Playoff e Playout per determinare attraverso i primi la quarta promossa in B e attraverso i secondi le retrocessioni in serie D. L'ultima di ogni girone retrocessa in Serie D

ore 14.14 - Gazzetta.it:  In Consiglio Federale passa la linea del presidente Gabriele Gravina. Grazie alla maggioranza di 18 voti a favore e solo 3 contrari, il Consiglio Figc, in scena dalle 12 a Roma, ha approvato le linee guida proposte dal presidente in caso di nuovo stop al campionato di serie A, linee guida che prevedono anche il ricorso a playoff e playout e all'algoritmo. 

L'algoritmo, inoltre, servirà a stabilire le qualificazioni alle competizioni europee e le retrocessioni.

ore 14.10 - Curiosità: la Reggina 1914 srl ha cambiato sulla pagina social FB l'immagine di copertina, con una B in bella mostra

ore 14.05 - Arrivano altre indiscrezioni da via Allegri, dove si sta svolgendo il CF. In caso di stop definitivo del campionato, playoff e playout in serie A. Via libera ai playoff e playout in B

ore 13.56 - ***SKY: VOTATA PROMOZIONE IN B DI MONZA, VICENZA e REGGINA***

ore 12.26 - ULIVIERI PRIMA DEL CF: "APPOGGIAMO LINEA GRAVINA" - Interpellato da tmw prima del Consiglio Federale, il presidente AIAC Renzo Ulivieri, ha annunciato che appoggerà la linea Gravina (gli allenatori pesano per il 10% nel CF): "Spero che passi la linea federale, noi come Associazione siamo per quella. La speranza è che non serva niente di tutto questo e che si possa arrivare alla fine. Se c'è la volontà da parte di tutti arriveremo alla fine. Le furbate sono una brutta cosa, non funziona, ma l'ideologia è penetrata dentro di noi da troppo tempo". 

ore 12.18 - TOGNON PARLA DELLE DATE e MODALITA' PLAYOFF - Il vicepresidente della Lega Pro, Jacopo Tognon, intervenuto a Ottochannel, ha parlato delle possibili decisioni del Consiglio Federale sulla FIGC, come riportato da tuttoc: "In base all'esito del Consiglio andremo poi a ragionare sulle date, è anche possibile andare oltre giugno e partire a luglio, ma prima ci sarà da giocare la finale di coppa tra Ternana e Juventus Under 23, in campo neutro e in gara secca. In caso si decidesse con la conferma della classica formula dei playoff, se una squadra rinunciasse, a passare al turno successivo sarebbe la sua avversaria. Se invece ci dovesse essere una defezione di massa, potremmo anche optare per un format diverso. Partite secche fino alla final four? E' un'ipotesi al vaglio, il Decreto Rilancio prevede la possibilità di modificare i formati e in questo modo eviteremmo di dover spostare squadre su e giù per l'Italia. Noi proporremo di giocare playoff e playout classici, se non sarà possibile proveremo a giocare partite di sola andata nei turni nazionali, risparmiando nove partite: cinque al primo turno e quattro al secondo".

ore 12.10 - QUANTI VOTI SERVONO PER LA MAGGIORANZA IN CONSIGLIO FEDERALE - Per la maggioranza in Consiglio Federale, servirebbero 11 voti sui 21 totali. L'asse LND (6 consiglieri) e AIC (4 consiglieri) decisivo in ogni tipo di proposta.

ore 11.45 -  COR.SPORT: SERIE B COMPATTA, REGOLE INTOCCABILI" -  "I club di Balata pronti a respingere il tentativo di annullare le retrocessioni dalla massima serie e le promozioni dalla cadetteria. Lega Pro e Lnd aderiscono al fronte per la regolarità dei campionati", sottolinea il quotiadino sportivo.

"Nel caso, possibilità remota, passasse la proposta della Lega serie A, in b si aprirebbero una serie di contenziosi da parte dei club che sperano ancora nella B. E anche in Lega Pro "tiene" questa linea, sulla scorta dei tanti presidenti e dirigenti delle società interessate, in primis Monza e Vicenza, per seguire alle formazioni che dovrebbero giocare i playoff", la chiosa del Corriere.

ore 11.15 - TOMMASI CONTRO LA PROPOSTA DELLA LEGA SERIE A - Damiano Tommasi annuncia l'endorsment dell'AIC (nel Consiglio con 4 componenti) alla linea Gravina e quindi contro la proposta della Lega A: 

"Non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione ufficiale, quindi non sappiamo neppure se ci sarà una decisione da prendere o una votazione da tenere. C’è un solo dato certo. Nell’ultimo consiglio federale è stata deliberata la prosecuzione dei campionati professionistici e la permanenza di promozioni e retrocessioni. Perché questa cosa dovrebbe essere rimessa in discussione? Conosciamo la Lega di Serie A. Quelle assemblee vanno sempre in un certo modo. C’è poco da rimanere sorpresi".

Continua Tommasi: "In ogni caso noi chiederemo equità sulle Licenze Nazionali. Le linee guida così come sono non possono andare, non si può favorire chi non paga".

ore 11.00 - SIBILIA NON CAMBIA IDEA - Il presidente della LND, l'influente Cosimo Sibilia, annuncia che la sua Lega (e i 6 consiglieri), non cambieranno linea:  "Manterremo la nostra linea di coerenza assoluta. Nel precedente Consiglio sono state varate delle regole e io ho votato a favore. Come Dilettanti abbiamo fermato il campionato, indicando squadre promosse e retrocesse. Le proteste? Legittime, ma qualcuno deve prendere delle decisioni e noi lo abbiamo fatto tramite il Consiglio Direttivo".

Sul blocco delle retrocessioni (chiesto dalla A in caso di stop definitivo del torneo), Sibilia sottolinea: "Io cerco di essere sempre lineare e coerente con le scelte. L'ultimo Consiglio ha stabilito che bisogna ripartire".

ore 10.45 - Pochi dubbi sull'esito del CF per quanto riguarda la Lega Pro anche secondo Corriere della Sera e Tuttosport: via libera alla B per Monza, Vicenza e Reggina.

ore 10.25 - "SERIE C, MONZA, VICENZA e REGGINA VERSO LA B" - Scrive Gazzetta dello Sport sulle decisioni in serie C: 

"Presi a schiaffi dalla Serie A come la soluzione da cui scappare, playoff e playout restano in Serie C l’unico scenario su cui imperniare l’operazione ripartenza. Oggi il Consiglio federale dovrà stabilire definitivamente la road map che prevede la ripresa con la Coppa Italia (il 28 giugno la finale in campo neutro fra Ternana e Juventus Under 23) per poi tornare a regime con il campionato dall’inizio di luglio. Il traguardo non potrà essere fissato oltre il 20 agosto, ma è probabile che si finisca prima.

Playoff secchi

Monza, Vicenza e Reggina, le prime della classe dei tre gironi, saliranno direttamente in Serie B. Poi ci sarà un playoff fedele al suo format tradizionale con il quarto posto in palio, e che coinvolgerà potenzialmente 28 squadre (ma sono prevedibili rinunce di società che organizzativamente non si sentono in grado di rispettare il protocollo sanitario-organizzativo). Questo schema si sottoporrà, però, a una cura dimagrante: niente andata e ritorno, partite secche per accorciare la stagione, che peraltro era stata virtualmente chiusa ormai un mese fa, e che poi è stata riaperta dall’ultimo consiglio federale. Diverso il discorso per i playout. Qui, infatti, ci saranno quattro squadre per girone ma non è ancora chiaro se l’ultima della classifica attuale retrocederà direttamente o ballerà anche lei per salvarsi con la formula dell’eliminazione diretta in questo caso con partite di andata e ritorno, coinvolgendo nel caso le squadre agli ultimi quattro posti delle classifiche dei gironi".

ore 10.10 - CORRIERE DELLO SPORT: "Scudetto e Serie B: la Figc boccia il piano dei club", è l'analisi del Cor.Sport in merito al CF di quest'oggi

"Scudetto e retrocessioni soltanto se c'è l'aritmetica? Con soli tre voi il progetto del massimo campionato è destinato a saltare. Oggi il Consiglio Federale. La proposta della Lega serie A sarà bocciata, sarà un brutto colpo per il partito di quei proprietari di club che hanno tramato per la non ripartenza del massimo campionato. La FIGC riproporrà playoff e playout. Gravina non ha perso per strada gli alleati: contro la proposta della Lega A anche la B, la LND, i calciatori e gli allenatori. Dovrebbe allinearsi anche la Lega Pro, con i quali i rapporti non sono più idilliaci e che per la quale non avrebbe senso bloccare le retrocessioni (e di fatto anche le promozioni di Monza, Vicenza e Reggina). Il risultato non è in discussione: "Al massimo la proposta della A avrà tre o due voti. Dunque, in caso di mancata ripresa e di impossibilità di playodff e playout, spazio al famoso algoritmo di Gravina o ad una media punti ponderata".

ore 9.55 - GAZZETTA DELLO SPORT: "NODO RETROCESSIONI, LEGA A SENZA ALLEATI. OGGI IN CONSIGLIO SI PROVA A MEDIARE", ecco l'analisi del quotidiano sportivo su quanto potrebbe accadere

"Sulla carta non c’è partita. E forse non solo sulla carta. Mai fidarsi degli exit pool, ma quelli di ieri sera erano categorici e pronosticavano un netto no del consiglio federale alla proposta della Lega di A per un depotenziamento dell’algoritmo federale, nel caso di interruzione del campionato per cause di forza maggiore (vedi positività e quarantena di squadra). Insomma, siamo di fronte a una missione apparentemente impossibile per la proposta dei club della serie maggiore, votata venerdì scorso da 16 presidenti su 20, l’80 per cento dell’assemblea. I tre rappresentanti della Lega di A in Consiglio - il presidente Paolo Dal Pino, l’amministratore delegato interista Beppe Marotta e il presidente della Lazio, Claudio Lotito, che si è però astenuto nell’assemblea di venerdì (e che è in ballo pure in B con la Salernitana in zona playoff) - rischiano quindi di restare isolati. Ora c’è da capire se si andrà a una votazione-spaccatura o se si cercherà di evitare la conta magari con una mediazione, per esempio la proposta firmata da Tommaso Giulini, presidente del Cagliari, sulla salvezza della terz’ultima di A nel caso di interruzione del campionato di serie B e mancata disputa dei playoff.

Una serie di no

Ovviamente non è in discussione il no della Lega di B. Oreste Vigorito, presidente del Benevento «straleader» della classifica, guida la protesta. Se si bloccano le retrocessioni o non sale nessuno dalla B (e si resta a 20) o si allarga (a 22) il campionato che verrà, una faticosa soluzione extralarge nella stagione degli Europei. Altri sussurri dicono che anche la posizione di calciatori, allenatori e arbitri non sarà diversa. La Lega Pro è soprattutto concentrata sulla complicata ripartenza via playoff. Quanto a Cosimo Sibilia, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, il «partito» di maggioranza relativa del calcio con il suo 34 per cento in sede elettorale, la sua posizione è articolata. Il suo no è scontato, «coerente con ciò che abbiamo stabilito quando abbiamo detto no alla proposta della Lega Pro». Che aveva proposto di staccare la spina alla serie C promuovendo quattro squadre in B e bloccando le retrocessioni.

Riforme subito

La Lnd, peraltro, ha scelto una strada del tutto contraria rispetto a quella della Lega di A, decretando le 36 retrocessioni che in diversi casi hanno già prodotto proteste e ricorsi. Tuttavia Sibilia dice anche: «Ora concludiamo questa vicenda. Poi, però, diventerà ineludibile avviare subito il percorso riformatore. Non c’è un minuto da perdere». E quando si parla di processo riformatore, si pensa soprattutto a due cose: la riforma dei campionati pro e la conseguente revisione dei «pesi» elettorali nella geografia del calcio che oggi periferizzano la Lega di A, che ha solo il 12% del corpo elettorale pur alimentando il sistema con la stragrande maggioranza delle risorse".

ore 9.30 - Ecco l'ordine del giorno del Consiglio Federale:

La riunione del Consiglio Federale è stata convocata per le ore 12 di lunedì 8 giugno. Tra gli argomenti all’ordine del giorno, oltre all’approvazione del verbale della riunione dello scorso 20 maggio e alle comunicazioni del Presidente, i seguenti punti:

- informativa del Segretario Generale;

- modifiche regolamentari;

- nomine di competenza;

- competizioni ufficiali professionistiche e dilettantistiche stagione sportiva 2019/2020: provvedimenti conseguenti;

- Licenze Nazionali stagione sportiva 2020/2021;

- termini tesseramento in ambito professionistico stagione sportiva 2020/2021;

- ratifica delibere di urgenza del Presidente Federale;

- varie ed eventuali.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

Buongiorno a tutti i cari amici e lettori di TuttoReggina.com, al via il lungo LIVE a cura della nostra Redazione dedicato al Consiglio Federale FIGC che nelle previsioni potrebbe essere quello dei verdetti, quanto meno in C e D, oltre ad una serie di decisioni in merito al "piano B" per la serie A e la serie B, i playoff e playout in serie C e quelle riguardanti promozioni e retrocessioni in serie D.

Aggiornamenti da Roma e non solo, approfondimenti, rassegna stampa, notizie e quant'altro, oltre alle novità da casa Reggina: sarà una lunga giornata, tutta da vivere e poi chissà...