"Pronti a partecipare, vincere e rilanciare il Catania", le ultime dalla Sicilia

19.06.2020 16:15 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Giuseppe Scialla
"Pronti a partecipare, vincere e rilanciare il Catania", le ultime dalla Sicilia

"Pronti a partecipare, vincere e rilanciare il Catania", si legge oggi su Gazzetta dello Sport in merito alle possibili novità da casa rossoazzurra tra playoff e salvezza del club.

"Il secondo giro di tamponi, l’attesa del bando pubblico per la cessione del club, l’organizzazione della cordata che vuole acquisire il Catania. E, sullo sfondo, anche la squadra che s’allena per recuperare forma e mentalità da playoff. I giorni in casa rossazzurra non sono mai banali. Per di più a mettere pepe sulla ferita ci ha pensato – con dichiarazioni pesanti - l’ex amministratore delegato, Pietro Lo Monaco, che continua a coprire la carica di direttore generale rossazzurro.

Su Itasportpress, Lo Monaco ha chiarito i motivi del suo colloquio con la Guardia di Finanza avvenuto due giorni fa: «Erano informazioni su un calciatore Jean Mbida, classe 1990. L’inchiesta è della polizia slovena riguarda due fatture pagate a una società slovena nel settembre 2012. Io sono andato via nel mese di maggio, dunque non mi riguarda». Sul futuro della società etnea, invece, Lo Monaco non ha risparmiato i suoi strali contro tutto e tutti suscitando le reazioni risentite di una buona parte di tifoseria: «Si vergognino coloro che attaccano perché fanno il male del Catania. Negli ultimi anni abbiamo pagato i fornitori, i giocatori senza beccare punti di penalizzazione. La situazione debitoria del Catania non è figlia degli ultimi 3 anni ma dei 4 precedenti al periodo in cui ho gestito io».

Ieri la squadra ha continuato a correre sul campo principale di Torre del Grifo. Allenamenti individuali dopo il secondo ciclo di tamponi effettuato da tutto lo staff e dagli stessi calciatori. Sono rientrati i difensori Silvestri ed Esposito, si attende Barisic nella giornata di oggi, mentre su Di Molfetta, procuratore del ragazzo (Bia) e responsabile unico del Catania (Astorina) stanno continuando a discutere per arrivare, entro un paio di giorni, a una soluzione. Altrimenti il tecnico Cristiano Lucarelli farà a meno dell’attaccante esterno. Intanto Il Cda della Sigi, comitato per l’acquisizione del Catania, ha discusso delle strategie da seguire in vista del bando pubblico del Tribunale. Il presidente della cordata, Fabio Pagliara, ha ribadito: «Si procederà su tutti i fronti, dai piani industriali alla partecipazione del bando per l’acquisto, guardando con grande attenzione agli aspetti giuridici, al di là delle spese da sostenere. Ci sarà massima attenzione da parte dei nostri avvocati agli aspetti di trasparenza e coerenza. Noi ci siamo sempre, pronti a partecipare, vincere e rilanciare»".