Reggina. Baroni prima di Venezia: "Partita complicata, ma siamo pronti"

01.04.2021 13:40 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Reggina. Baroni prima di Venezia: "Partita complicata, ma siamo pronti"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Marco Baroni, tecnico della Reggina, è intervenuto in una conferenza da remoto alla vigilia della gara sul campo del Venezia:

"La gestione delle scelte in fase di conclusione è fondamentale, ci stiamo lavorando. Siamo sempre più convinti dei nostri mezzi, a volte serve serenità. E' una partita complicata, ma lo sarà anche per loro, toccherà a noi creare problemi, la squadra sta bene e si è preparata bene. Bisogna andare a Venezia con il piglio giusto e con la compattezza. Conterà la lettura della gara sotto l'aspetto della pressione. Conteranno anche i cambi, la possibilità di mettere in campo energie fresche, la squadra sta recependo questo messaggio. Chi non viene scelto dall'inizio non è una penalizzazione, le gare durano novanta minuti".

Sul Venezia: "E' una squadra che ha costruito anno dopo anno, in questa stagione hanno completato l'organico, inserendo tasselli di qualità. Non voglio guardare in casa degli altri, conta solo il nostro atteggiamento: ora è la fase decisiva della stagione, abbiamo due trasferte difficili, ma dobbiamo avere la stessa voglia di migliorarci. Il Penzo è stato sempre un campo difficile da andarci a giocare, manca l'aspetto del pubblico".

Sulla prestazione contro il Chievo: "Non mi faccio condizionare dai pali, i numeri dicono altro e sono inequivocabili. Loro hanno avuto occasioni solo su nostri palloni persi e questo non deve accadere a Venezia".

Sulle scelte di modulo: "La squadra si è sempre espressa in un certo modo con il modulo 4-2-3-1, i cinque cambi ti possono offrire di cambiare in corsa. Il sistema di gioco conta relativamente, poi è importante la compattezza della squadra, il recupero palla, la precisione nei passaggi".

Sulla situazione legata all'infermeria: "C'è Kingsley, Folorunsho lo lasciamo a casa a lavorare. Petrelli è a casa per un attacco influenzale, ma non è nulla legato al Covid. Menez ha avuto un problema nell'ultima seduta, ma viene con noi. Rivas non è con noi, dovrebbe arrivare domani, ma sarà reduce da un volo molto lungo, non sarà della gara, almeno inizialmente: faremo le valutazioni anche in vista della gara successiva".