Gaz.Sport: "Reggina-Bari da record, finisce pari tra i veleni"

27.01.2020 10:13 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Gaz.Sport: "Reggina-Bari da record, finisce pari tra i veleni"

"Reggina-Bari da record, finisce pari tra i veleni", scrive oggi Gazzetta dello Sport nelle pagine nazionali.

"Accade nei big match tanto attesi e anche quello tra la Reggina e il Bari non sfugge alla regola: la sfida è finita in parità, con poche emozioni. E in classifica (anche per lo 0-0 tra Monopoli e Ternana) non è cambiato nulla. Ma a vincere è stato il pubblico, con gli oltre 16.000 spettatori (1.122 i tifosi del Bari) che hanno riempito il Granillo regalando una giornata d’altri tempi.

Toscano e Vivarini hanno proposto qualche novità. Al posto di Liotti al centro della difesa la Reggina ha rispolverato Gasparetto, per la prima volta titolare dop aver giocato appena 78’ in 22 incontri, mentre in mediana De Rose e Bianchi sono stati preferiti a Nielsen e all’atteso ex Bellomo, per un inedito 5-3-2 con Rolando e Blondett più a difendere che a spingere. Vivarini ha portato in panchina Corsinelli e Schiavone, con Berra in difesa e Bianco a centrocampo. Nel primo tempo poche emozioni: prima della pausa Corazza è stato anticipato da Frattali e poi Antenucci da ottima posizione ha calciato a lato.

Dopo l’intervallo la Reggina si è scrollata di dosso la paura e ha preso più confidenza. Così al minuto 24 è arrivata la prima fiammata che ha fatto esplodere il Granillo. Dalla sinistra Rolando è rientrato sul destro pennellando un assist per Denis che è andato incontro al pallone e l’ha girato di testa nell’angolo più lontano dove è risultato vano il tentativo di Frattali. Un gol da centravanti vero, che solo lui poteva far vedere. A quel punto Toscano ha richiamato Bianchi, Denis e Rolando per Nielsen, Bellomo e Liotti, mentre Vivarini ha tolto Laribi, Berra e Bianco e inserito D’Ursi, Corsinelli e Terrani. Quando il popolo di casa stava pregustando il successo, il Bari ha pareggiato con Perrotta in mischia. Inutili le proteste della Reggina per un presunto fuorigioco dell’autore del gol, con allontanamento del d.s. Taibi.

Duro Denis dopo la gara: «Come all’andata anche questa volta ci hanno rubato la partita e allora l’arbitro fu fermato per 3 turni. Durante la settimana noi lavoriamo, non pettiniamo le bambole. Sono andato direttamente dell’arbitro per farmi spiegare cosa ha visto. E’ pagato per questo, deve essere all’altezza del suo compito». In realtà dalle immagini Marchetti e i suoi assistenti sembra che abbiano preso la decisione giusta", si legge.