L'angolo dei Tifosi, la Reggina battuta dal Lecce: le vostre mail

17.01.2021 13:20 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
L'angolo dei Tifosi, la Reggina battuta dal Lecce: le vostre mail
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

La Reggina perde contro il Lecce e torna qualche nube in vista del futuro prossimo

Cosa ne pensate? Dite la vostra e partecipate al dibattito su TuttoReggina.com. Non interverremo in merito ai pareri dei tifosi, salvo per informazioni erronee: ognuno può dire la propria, naturalmente con educazione e rispetto.

Non solo la parte sportiva, ma anche le questioni extracampo: a voi la parola. 

NB: ricordiamo che la Redazione non è responsabile dei pensieri e opinioni di chi scrive. In caso di insulti, parolacce e espressioni blasfeme, siamo costretti a cancellare.

Grazie a tutti di vero cuore per la solita massiccia partecipazione al dibattito.

Continuate a scriverci alla mail tuttoreggina@libero.it.

                                                                                          --------------------------------------

Spett.le Redazione, la domanda sorge spontanea: come mai andiamo in vantaggio, restiamo in 10 e gli avversari vincono, vanno in vantaggio gli avversari rimangono in 10 e vincono le partite, è solo sfortuna? Distinti saluti 

Giorgio D 

Menez può giocare qualche “Partita del Cuore” tra ex calciatori e cantanti. Gioca con una sufficienza da partitella di allenamento. E quel rigore senza rincorsa, per chi nelle gambe ha a malapena la forza per trascinarsi in campo, ne è la prova. Così si va in C.

Francesco

Buonasera Redazione,

partita appena finita e ancora dimostrata la solita equazione "rigore sbagliato + superiorità numerica = sconfitta".......non c'è niente da fare, con rigori ed espulsioni avversarie non ricaviamo nulla. Di buono, rispetto alle precedenti partite dove sembrava la squadra avversaria ad avere l'uomo in più, c'è stavolta almeno l'averci provato e riprovato con un assalto continuo alla porta avversaria: ma, obiettivamente, tra infortuni, sfortuna ed età, manca davvero qualcuno che riesca a buttarla dentro. E al prossimo rigore facciamo provare un difensore, se non altro avrebbe il vantaggio dell'imprevedibilità..........sono amareggiato, anche perché è vero che loro hanno fatto mezz'ora senza l'uomo più pericoloso ma di fatto e per l'intera gara non è che abbiano stradominato. Certamente brucia più Ascoli di Lecce, e forse non sono queste le squadre contro le quali si può pretendere di vincere, è che certe contingenze favorevoli - che pur ci capitano - non riusciamo proprio a capitalizzarle.......... comunque dai che ancora abbiamo una partita per chiudere l'andata e poi tutto il ritorno e se il nostro obiettivo è la vetta della parte destra della classifica (mantenere la serie B) mi pare possa essere a portata di mano. Un'ultima considerazione: penso che la Reggina sia la squadra che, più di ogni altra, sia stata danneggiata dalle limitazioni dovute a questo maledetto Covid, con i tifosi al seguito avrebbe raccontato storie migliori più di ogni altra......FORZA REGGINA SEMPRE !!!!

Vincenzo 

Ancora una volta vedo la reggina perdere,penso a questo punto non ci sono piu' scuse siamo in zona retrocessione,non c'e' stata la svolta con baroni,e secondo me mai ci sara',ma il vivaio della reggina dove e' andato a finire?c'e' o non c'e'?taibi ma perche' vai sempre a prendere calciatori stranieri e in prestito,che ora che si abituano al nostro campionato siamo gia'  in serie c,gallo manda subito a casa taibi,e baroni,e riprenditi a toscano alla guida della nostra reggina,perche' io personalmente se devo andare in serie c,voglio andarci con chi ci ha portati in serie b,poi dico una cosa,i vari bellomo,de rose perche' sono sempre in panchina?per finire non ho ancora capito una cosa di rivas, il suo ruolo qual'e'?,perche' come gioca ora e' fuori ruolo,un caro saluto a tutti,sempre forza reggina ,speriamo di salvarci.

Santo di milano

Oramai non ci sono più lacrime per piangere, addirittura non mi inc...o più.

Il re è nudo.

L'allenatore dimostra tutti i suoi limiti, ed i giocatori la mancanza di attaccamento alla maglia e di rispetto verso la Società Reggina Calcio..

Sembrava di assistere ad una partita di allenamento. Ritmi bassissimi, anche dopo essere passati in svantaggio, nessun pressing, nessun fervore agonistico, nessuna cattiveria, nessuno che correva e dava l'anima, anzi facendo denotare  una certa "landa", nel riprendere il gioco. 

Neanche la superiorità numerica riusciva a scuoterci, la " landa" della Reggina era padrone del campo.

Per non parlare dell'allenatore, MA CU NDU MANDAU, serafico in panchina e perseverante nei suoi ostinati e ripetuti orrori tattici e di gestione dei cambi.

Notate bene, tutte le occasioni sono capitate, come in tutte le partite a giocatori che non hanno nessuna dimestichezza con il goal, mentre gli attaccanti siedono in panchina. Due occasioni a Rivas ( non me ne voglia nessuno, ma non segna neanche senza portiere), una a Del Prato ( che forse è un mezzo difensore, forse, in quanto anche oggi il Lecce ha segnato per un suo errore), una al nostro cannoniere Liotti, una a Cionek di testa ( era più difficile sbagliarla, che metterla dentro).

Sorvolo sull'ennesimo rigore tirato in maniera orrenda, praticamente un passaggio al portiere. 

Infine una parola su Bellomo, come al solito fatto entrare al 75° ( e' una costante di Baroni). Secondo me, si è rotto proprio le scatole e non vede l'ora di essere ceduto, e nei minuti finali, il colpo di testa nell'area piccola che ha schiacciato a terra e passato al portiere, l'ha fatto di proposito.

Povero Presidente, quanti soldi buttati.

Se vuoi un consiglio caro Presidente,  molla tutto e vattene, il popolo di Reggio Calabria ti sarà sempre riconoscente.

Roberto

LA REDAZIONE RISPONDE: Roberto, è stato un pò severo. Il problema è che comunque Baroni sta giocando senza attaccanti, al punto che ha dovuto mettere in campo un ragazzo che non scendeva in campo da oltre un anno.

Buonasera, più volte avevo scritto che servivano due punte di ruolo, possibilmente sani. Invece vedo che abbondano i nomi di esterni e altri ruoli. È così difficile da capire che manca gente che la butta dentro. Non vedo nei nomi che interessano alla squadra uno straccio di attaccante. Diciamo la verità, Denis è un ex giocatore, sia pur campione, charpentier purtroppo ha problemi fisici, e dispiace perché è un ottimo calciatore. Poi chi c'è punta ? Mi sfugge qualche nome ? Micovski potrebbe essere adattato ma nn è il suo ruolo stare in area. Io nn so chi fa le strategie di mercato ma di sicuro continua a fare errori. Io penso che anche gli scalini del Granillo hanno capito che mancano ATTACCANTI.!!! Ma chi deve prenderli forse è meglio che cambi mestiere

Renato

LA REDAZIONE RISPONDE: Oppure bisogna dire che gli attaccanti che fanno la differenza costano e bisogna tirare fuori i soldi per comprarli. Del resto, in estate si è andati a prendere un calciatore nella B svedese per completare il reparto...

Gentile Redazione
Non so se è da attribuire ai miei 56 anni che mi spingono a riflessioni nostalgiche ma oggi, mentre guardavo la partita in compagnia dei miei figli, ho avuto un flashback:
"Non vegnu chiù o campu", così urlava un anziano signore dalla ringhiera di una terrazza, alle spalle della gradinata del vecchio stadio comunale, quando la Reggina giocava male o perdeva.
Io e altri amici eravamo presenti e ridevamo come dei matti...
Mai avrei immaginato che a differenza di quaranta anni, erano i primi anni 80, dopo  l'ennesima delusione, sarei stato tentato di urlare la stessa frase o quasi, non su una terrazza ma su un divano davanti ad una tv.
Non ci rendevamo conto allora che per quell'anziano, trovarsi in terrazza o in gradinata, non faceva alcuna differenza. Tanta era la passione che offuscava la ragione e forse faceva perdere il senso della posizione.
Oggi, alla fine della partita, ero esausto e tentato, per non tradire le coronarie, di  smettere di soffrire davanti alla Tv.
Ma come ogni domenica quel signore si ritrovava in terrazza a gioire o ad imprecare, sono certo che anch'io sarò lì, seduto al solito posto, con i miei figli juventini che rideranno da matti delle mie ansie e francesismi per la prestazione o per il risultato.
Giovan Battista Vico li chiamava corsi e ricorsi storici.
Perdonate la divagazione.
Oggi è parso lapalissiano quanto serva una punta centrale forte, di categoria e senza necessità di rodaggio.
Non possiamo permetterci il lusso di aspettare i rientri dagli infortuni o il migliore stato di forma. Quest'anno gira male e tutte le spie rosse sono accese.
Si corra immediatamente ai ripari.
Cordiali saluti.

Giuseppe da Rovigo

LA REDAZIONE RISPONDE: Giuseppe, almeno speriamo di poter presto godere delle partite di calcio dalle tribune, dal vivo e non solo davanti alle tv.