L'ANGOLO DEI TIFOSI, il pensiero dei supporters amaranto: a voi la parola

19.02.2020 22:10 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
L'ANGOLO DEI TIFOSI, il pensiero dei supporters amaranto: a voi la parola

La Reggina pareggia a Catania, il Bari batte il Picerno e accorcia: a voi la parola sulle considerazioni da fare in questo momento

Sensazioni, vostri auspici per il girone di ritorno e quant'altro, scriveteci a tuttoreggina@libero.it.

Attendiamo le vostre mail.

Buonasera, Vorrei evitare di parlare della partita e di scelte tecniche... La mia é più che altro una preghiera rivolta a buona parte della tifoseria amaranto che dopo ogni risultato diverso dalla vittoria (e spesso nonostante la vittoria) inizia a buttare la croce addosso a dirigenza, allenatore, giocatori e tutto il resto... Stiamo parlando di una squadra prima in classifica, che fisiologicamente ha avuto un calo rispetto all'andata ma che mantiene un rassicurante vantaggio su un Bari che comunque a detta di tutti avrebbe dovuto ammazzare il campionato...mi piacerebbe vedere meno disfattismo attorno alla squadra, capisco che spesso é l'amore che parla ma è proprio questo che rischia di danneggiare... C'è troppa fretta, sembra quasi che siamo noi a rincorrere... Io per primo vorrei vedere la mia squadra già in b ma bisogna affrontare gli avversari, prendere punti e se non si vince come domenica, anche un pareggio che muove la classifica... Cerchiamo di remare nella stessa direzione, il mister e i giocatori vogliono quello che vogliamo noi... Nel girone di andata veniva tutto più facile, c'era entusiasmo e la gente già parlava di campionato vinto... Sicuramente qualche risultato negativo ha tolto un po' di fiducia ma non escludo che anche tutte queste chiacchiere portano la squadra a non "divertirsi" come prima, a giocare con l'angoscia del risultato e di conseguenza commettere errori... Spesso a leggere alcune mail non sembra si stia parlando di una squadra prima in classifica, mi sembra ingiusto... Buona serata, un saluto a tutti e forza Reggina!!!!

Paolo

Salve Redazione, Antonio da Roma. Una domanda, che credo non sia poi così banale. Il Bari deve ancora incontrare sul suo cammino, tra le altre, Ternana, Catanzaro, Catania, Teramo e Potenza.... soprattutto le prime due, Ternana e Catanzaro (ma anche il Catania, se si organizzerà) sono squadre che ambiranno anche l'anno prossimo al salto di categoria diretto in B: secondo voi, queste due squadre, ma forse anche le restanti, possono agevolare volentieri il Bari, nella speranza che strappi il primo posto alla Reggina, cosìcché nel prossimo torneo 2020-21 non ci sarà la presenza ingombrante dei galletti per chi ambisce al salto di categoria diretto in B? A pensar male a volte si fa peccato, ma molte volte ci si azzecca... inoltre i biscotti nel calcio sono legali, fino a prova di combine..... Che ne pensate?

LA REDAZIONE RISPONDE: Ma no Antonio, se pensiamo a queste cose tanto vale seguire un altro sport. Nessuna stenderà i tappeti rossi a nessuno.

Gentile Redazione vorrei condividere una riflessione (chissà se ho la fortuna di essere letto dal Mister……) come momento di “consapevolezza” in questa fase cruciale del cammino degli Amaranto, a mente fredda dopo il Catania, verso la Paganese e in proiezione al Catanzaro. Non mi avventuro in considerazioni tecniche di cui non ho capacità, pur se dovrebbe ammettersi che anche un occhio ignorante di tecnica non può non essersi accorto che a Catania abbiamo sistematicamente “bucato” calci d’angolo, calci piazzati e traversoni che, se ben calibrati, forse avrebbero potuto dare una svolta alla partita……. come abbiamo “disertato” la possibilità di concederci qualche tiro-occasione dalla distanza….. Mi soffermo sul profilo “mentale” dell’approccio alla gara, alle ultime gare. Mister Toscano, cui va tutta la mia stima, ha di recente parlato di ritrovata ferocia agonistica…….. purtroppo io non la vedo da qualche partita e non l’ho vista a Catania, perché quella “ferocia” – se davvero fosse ritrovata – ci avrebbe senza dubbio consegnato le sorti della partita nei venti minuti circa del secondo tempo, durante i quali gli avversari si erano di fatto “seduti” per un riposino. Dico questo non per critica ma per consapevolezza in previsione della settimana di fuoco che ci aspetta. L’approccio con la Paganese domenica al Granillo dovrà davvero essere “feroce” (agonisticamente), veemente, muscoloso, dovrà insomma essere una “prova di forza”, e non soltanto – a mio modesto avviso – per gli esiti di domenica, quanto soprattutto per la proiezione verso Catanzaro, dove ci si dovrà presentare “feroci” senza se e senza ma………. Per motivi di lavoro vivo a Catanzaro durante la settimana e vi assicuro che c’è un intero ambiente, dal Mister al Presidente all’ultimo tifoso, che non aspetta altro che l’incontro di mercoledì, un ambiente “carico a mille”, per l’entusiasmo del recente mercato importante e per la voglia di rivalsa sul risultato e sulle polemiche seguenti della gara d’andata…… una squadra col dente avvelenato che non aspetta altro che “farla pagare” alla Reggina, e “farla pagare doppio” visto che una sconfitta sarebbe anche una pericolosa flessione nel vantaggio sul Bari. Dunque, già da domenica al Granillo, l’approccio alla partita e l’atteggiamento nella partita non potranno essere quelli di Catania, già domenica va lanciato un chiaro messaggio, un “biglietto da visita” pesante per mercoledì prossimo…….. non è certo il caso di scomodare l’antico detto “chi pecora si fa il lupo se la mangia”, ma già domenica dovrebbe essere la prova tecnica di undici leoni “calcisticamente spietati”. Perché a Catanzaro saranno pure “aquile”, ma a noi nulla manca per colpire con la rapidità dei nostri “adorni”. Quanto a noi tifosi, riempiamo il Granillo domenica e cominciamo questa Settimana senza se e senza ma………solo FORZA REGGINA SEMPRE !!!!!

Vincenzo

LA REDAZIONE RISPONDE: Vincenzo, a nostro avviso il mister sta al momento optando per una squadra meno arrembante ma piú "razionale", non che gestisca il vantaggio, ma che comunque non faccia cose che magari oggi non può permettersi di fare. Che sia frutto di un calo atletico o altro non lo sappiamo con precisione, ma mister Toscano ha pienamente in mente il piano per le prossime gare.