La rabona amaranto di Paciocco "compie" trent'anni: "Il Comunale ammutolì dopo quel rigore"

13.05.2020 22:56 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
La rabona amaranto di Paciocco "compie" trent'anni: "Il Comunale ammutolì dopo quel rigore"

Il primo rigore di "rabona" nella storia del calcio, almeno italiano, è stata firmata da Ricardo Paciocco, in occasione di un Reggina-Triestina del 13 maggio 1990, 30 anni esatti esatti.

Una vicenda ricordata dai media nazionali, come ilfattoquotiodiano, che racconta la storia di quel gesto rivoluzionario:_

"La Reggina è impegnata in un’amichevole infrasettimanale con la Nazionale Militare. Calcio di rigore per la formazione di serie B, lo specialista Ricardo Paciocco dal dischetto non lascia scampo al portiere avversario Luca Marchegiani. Realizza di rabona, cioè incrociando i due piedi al momento del tiro. Il portiere, allora di proprietà del Torino, non apprezza il gesto e lo fa notare all’attaccante. Finita la partita in spogliatoio anche l’allenatore della Reggina Bruno Bolchi rimprovera il suo calciatore: “Pacio, non si fanno queste cose, è una presa in giro nei confronti dell’avversario”. “Mister, ho sempre fatto la rabona in allenamento e se mi capiterà l’occasione, tirerò un rigore così anche in campionato”, scrive la versione online del quotidiano.

"Pochi giorni dopo la Reggina gioca contro la Triestina. Siamo agli sgoccioli del torneo, la squadra è in corsa per la promozione in serie A. Sull’1-1 l’arbitro fischia un calcio di rigore per gli amaranto, mancano 15 minuti alla fine della partita. È il 13 maggio 1990. Va sul pallone Paciocco, il suo piede preferito è il destro eppure si posiziona come dovesse tirare con l’altro. “Tira il rigore di sinistro?”, chiede il mister a quelli che stanno in panchina con lui. “Fa la rabona”, azzarda qualcuno. L’arbitro fischia, mentre Bolchi urla: “Nooooooo….” Di rabona Paciocco realizza dal dischetto il gol decisivo, la Reggina vince la partita e può ancora conquistare la A (alla fine non ci riuscirà). Trent’anni fa venne realizzato il primo rigore di rabona nella storia del calcio professionistico italiano. “Per alcuni secondi allo stadio ci fu un silenzio assoluto – racconta oggi Paciocco – l’arbitro ci mise un po’ per capire se il gol fosse valido, lo stadio ammutolì, i compagni prima di venire a festeggiarmi rimasero perplessi”, con le parole dell'attaccante di origine venezuelana, che in maglia Reggina siglò 7 reti in due stagioni