Lega Pro, il commento dopo il Consiglio Federale: "Sponsor, credito d'imposta e stadi riaperti al pubblico: la nostra posizione"

31.08.2020 18:20 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Lega Pro, il commento dopo il Consiglio Federale: "Sponsor, credito d'imposta e stadi riaperti al pubblico: la nostra posizione"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Jacopo Duranti/TuttoLegaPro.com

Nota della Lega Pro, con le parole del presidente Ghirelli, in merito alle decisioni del Consiglio Federale FIGC, che ha dato il via libera alle sessanta squiadre aventi diritto a prendere parte alla serie C:

Dopo il Consiglio Federale che si è svolto a Roma, il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli precisa: “Oggi sono stati affrontati alcuni argomenti molto significativi per la Serie C. Innanzitutto è da evidenziare il risultato estremamente positivo dei 60 club iscritti per il prossimo campionato. Purtroppo sarà necessario attendere l’esito della sentenza della giustizia sportiva sulla partita del campionato di Serie D 2018-19 tra Bitonto e Picerno per avere un quadro chiaro della situazione. Abbiamo sollevato al Consiglio Federale il problema dell’attuazione del protocollo sanitario: ho ribadito che così come ora è strutturato rappresenta un costo per i club insopportabile e comporta problemi gestionali davvero gravosi. Riteniamo fondamentale e primaria la tutela della salute ed abbiamo un rispetto assoluto per il monitoraggio della situazione epidemiologica, ma così come la Commissione Medica Federale ha proposto al CTS, pensiamo che almeno i giorni di distanziamento per effettuare gli esami previsti dal protocollo potrebbero essere maggiori. Altro tema per noi vitale sono gli stadi: senza la presenza del pubblico sugli spalti muore la passione ed è un disastro economico. Occorrerebbe almeno avere la possibilità di riaprire agli abbonati. In tal caso vi sarebbe una presenza contingentata ed i controlli sarebbero certi. Infine il tema centrale delle sponsorizzazioni sulle maglie: abbiamo chiesto ed ottenuto l’apposizione di due nuovi sponsor commerciali ed un altro istituzionale. Dobbiamo fare di tutto per ampliare le possibilità di finanziamento per le società. La crisi è pesante e il rischio di crac dei club è troppo alto. La misura del Credito di imposta può favorire l’arrivo di nuovi sponsor. Noi siamo in campo per difendere il patrimonio del calcio della Serie C: i nostri 60 club, e ci batteremo per la loro sopravvivenza in ogni modo”.