REGGINA, atteso il patron Luca Gallo a Reggio: tanti i "dossier" sul tavolo

23.05.2020 10:35 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
REGGINA, atteso il patron Luca Gallo a Reggio: tanti i "dossier" sul tavolo

(G.C.) - Dopo quasi tre mesi di forzata lontananza il patron della Reggina, Luca Gallo, è atteso a Reggio Calabria a partire da lunedì.

Già in programma una serie di incontri per valutare ciò che accadrà nei prossimi giorni in merito alla serie C, ma anche per programmare il futuro del team amaranto.

Un Gallo attivo al 360 gradi e su tutti i fronti. Prima Squadra, le possibili novità in vista della probabile stagione in serie B, ma anche settore giovanile, con l'imminente arrivo di Antonio Tempestilli come responsabile. Stavolta non si può sbagliare (ci riferiamo al vivaio amaranto): dopo quattro responsabili in meno di quattro anni, bisogna dare un indirizzo preciso per non disperdere investimenti importanti.

Va anche detto che il patron deve fare quadrato sull'organigramma, considerando che si attendono novità sulla figura del direttore generale (il silenzio calato su Andrea Gianni , quasi fosse un "nemico" qualunque da non invitare a nessuna tavola rotonda o in nessun salotto, è eloquente e significativo).

Sul capitolo Toscano ci siamo espressi nei giorni scorsi (CLICCA QUI PER RILEGGERE) e il ragionamento non è mutato: normale che Gallo,Taibi e Toscano possano sedersi attorno ad un tavolo e confrontarsi su molteplici aspetti (puramente TECNICI, sia mai che qualcuno voglia intendere male). Ci sta anche che Toscano possa fare dei ragionamenti sul suo futuro amaranto, ma certamente proseguire alla guida della Reggina è un'opzione gradita davvero a tutti. Certamente intoccabile e impegnatissimo il ds Taibi, pienamente coinvolto nella costruzione di un'altra stagione positiva alla guida del mercato della Reggina.

In linea di massima, intenzioni e linee guida sono state tutte adottate, certamente l'incertezza di questo periodo Covid-19, ha rallentato la locomotiva-amaranto: ma niente paura, il futuro immediato si chiama serie B.