LE PAGELLE DELLA REGGINA - Difesa impenetrabile, Bellomo ritrova il gol perduto

27.12.2020 14:55 di Valerio Romito   Vedi letture
LE PAGELLE DELLA REGGINA - Difesa impenetrabile, Bellomo ritrova il gol perduto

GUARNA 6 – Baroni si affida alla sua esperienza dopo le insicurezze palesate in porta nelle ultime uscite, non ce ne sarà bisogno poiché i pericoli dalle sue parti saranno pochissimi

DELPRATO 6,5 – Ancora una volta si comporta come un veterano, non si limita a difendere ma come può dà manforte alla manovra offensiva

LOIACONO 6,5 – Tiene la squadra altissima e cortissima, protagonista con i compagni di ruolo della migliore prestazione difensiva della stagione

STAVROPOULOS 7 – Nonostante il doppio giallo nel finale, in cui comunque sceglie di spendere al meglio i cartellini, è di gran lunga il migliore in campo, implacabile in marcatura e, finalmente, sempre concentrato

DI CHIARA 6,5 – È meno propositivo del solito occupandosi soprattutto di contenere, lo fa col solito piglio e personalità

BIANCHI 6,5 – Ha riacquisito fiducia a si vede, conquista decine di palloni in mezzo e pressa chiunque oltrepassi il centrocampo, oltretutto gli viene negato un rigore solare su una sua conclusione dalla distanza dopo appena un minuto (DALL’86’ CIONEK S.V.)

CRISETIG 6,5 – Sta ritornando velocemente ai suoi standard, non spreca un pallone e si fa sentire anche nei contrasti

SITUM 6 – Prova ad inventare qualcosa sulla trequarti ma gli spunti che riescono sono pochi, ha comunque il merito di limitare Raddrezza che non riesce mai a sfondare sul suo lato (DAL 79’ROLANDO 6 – Nel finale tiene lontano la palla dalla nostra metà campo)

FOLORUNSHO 6,5 – Altra prestazione importante del centrocampista scuola Lazio, i suoi strappi sono spesso incontenibili e finiscono con trascinare i compagni in fase propositiva

LIOTTI 6 – Anche lui è fondamentale nel limitare gli avversari sulla fascia, peccato per alcune scelte sbagliate su contropiedi piuttosto ghiotti (DAL 62’ BELLOMO 7 – Entra con il piglio giusto, cerca ripetutamente pertugi per i compagni e lui stesso la conclusione, ritrova il gol perduto, dal valore inestimabile, ribadendo in rete, dopo aver colpito il palo, un pallone che sembrava non voler entrare mai)

RIVAS 6 – Sta prendendo confidenza con il ruolo per lui sempre atipico, a tratti è immarcabile nonostante i raddoppi subiti, peccato per quel gol divorato che avrebbe probabilmente favorito una vittoria meno sofferta

BARONI 7 – Terza gara in panchina, terzo modulo differente schierato, terzo netto progresso visto in campo, la squadra non subisce praticamente nulla e non prende gol dopo un’eternità, non solo non cala alla distanza ma domina in lungo e in largo e solo la mancanza di un vero stoccatore impedisce un successo più largo che avrebbe meglio rispecchiato l’andamento dei novanta minuti, ma va benissimo così