EURO 2020, Di Lorenzo: "La mia vita è cambiata negli ultimi cinque anni"

24.06.2021 16:55 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
EURO 2020, Di Lorenzo: "La mia vita è cambiata negli ultimi cinque anni"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

(FIGC) - Che l’azzurro fosse nel suo destino era scritto già anni fa, quando nel 2017 lo indossò a Empoli. Poi il passaggio al Napoli e quindi la maglia azzurra, quella che unisce le speranze di un Paese, quella della Nazionale.

“L’azzurro – conferma emozionato Giovanni Di Lorenzo in conferenza stampa – è un colore che effettivamente mi ha contraddistinto negli ultimi anni. E non è un caso che mia figlia si chiami proprio ‘Azzurra’…”.

Quella del terzino della Nazionale è una storia fatta di sacrifici – “che mi hanno portato fino a qui, ad essere parte di questo gruppo” – e della voglia di non mollare, anche quando la carriera professionistica da calciatore sembrava arrivata quasi a un punto di non ritorno: “In cinque anni è cambiato praticamente tutto nella mia vita. Mi sono ritrovato senza squadra, ma sono stato bravo a non molare: adesso mi sto godendo questa fantastica esperienza”.

A sostenere gli Azzurri c’è una Nazione intera; ad emozionarsi per le imprese sul campo del compaesano più famoso del momento, c’è un borgo intero: Ghivizzano, una piccola frazione in provincia di Lucca dove sulle torri del paese viene proiettata la maglia numero due – azzurra, ovviamente – di Giovanni Di Lorenzo: “Hanno allestito il maxischermo in piazza, sono tutti in fermento per questa manifestazione… Con mio fratello Diego, più grande di me di quattro anni, c’è un rapporto speciale: ci telefoniamo spesso e ci confidiamo. Nei momenti più difficili della mia carriera ci sono state persone che mi hanno permesso di superare quella fase difficile con la loro vicinanza. E mio fratello è una di queste”.

Sabato la sfida contro l’Austria, nella prima gara a eliminazione diretta che gli Azzurri dovranno affrontare in questo torneo: “È una squadra fisica, che gioca a un ritmo molto elevato, difficile da affrontare. Ma noi ci stiamo allenando e preparando al meglio per questa gara. Alaba? Un giocatore eccezionale, ma tutti i calciatori austriaci sono da tenere in grande considerazione.

Paura di questa partita? L’atmosfera che si respira qui è ottima, il nostro gruppo è fantastico e c’è il giusto mix di tensione e concentrazione. Dobbiamo avere quello stesso entusiasmo che abbiamo avuto nelle ultime partite, senza che debba cadere nella presunzione”.