Reggina, AGLIETTI SI PRESENTA: "Era una priorità tornare a Reggio"

PER AGGIORNARE LA PAGINA PREMERE F5 o EFFETTUARE IL REFRESH
04.06.2021 15:00 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Reggina, AGLIETTI SI PRESENTA: "Era una priorità tornare a Reggio"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

Giorno di presentazione per Alfredo Aglietti, nuovo allenatore della Reggina:

"Non c'è stata alcuna trattativa, volevo tornare a Reggio. Era una priorità allenare la Reggina, è un posto dove si può fare bene. Ho avuto una grande accoglienza da parte dei tifosi, l'entusiasmo che si è scatenato dopo l'annuncio del mio arrivo è qualcosa di straordinario".

Sulle scelte di mercato: "Non dobbiamo avere fretta, ci sono tanti calciatori in giro. I tifosi devono stare tranquilli, faremo una buona squadra. Partiamo da uno zoccolo duro che ha fatto bene nel girone di ritorno. Vogliamo calciatori con il giusto atteggiamento, non dobbiamo sbagliare la scelta. Parlando del gruppo, mi è stato garantito che è un gruppo sano".

Sul campionato di B: "E' sempre complicato, le tre retrocesse e altre ancora punteranno a vincere, non bisogna porsi degli obiettivi, si parte in particolare per la salvezza. Dobbiamo tenere alto il nome della squadra e della città, dobbiamo avere una nostra identità e non dobbiamo fissare degli obiettivi".

Sulla Reggina di Aglietti: "Voglio una squadra che abbia una precisa identità, vogliamo giocare con una mentalità offensiva, sfruttando le qualità dei nostri calciatori".

Continua Aglietti: "Da domani non bisognerà parlare solo di Aglietti calciatore, ma di Aglietti allenatore e di quello che farà la squadra sul campo".

GALLO:

"La nostra è stata una trattativa lampo, Aglietti ha subito accettato la nostra proposta. Non è stata una questione di soldi, di programmi.  È stata una questione di affetto e di cuore  verso la società, la città, tutta la tifoseria. Di fronte ad una scelta di questo tipo qualsiasi tipo di risultato sportivo o tecnico lascia il tempo che trova".

"Quando il mister è venuto a Roma, abbiamo ricordato insieme la partita contro il Chievo di qualche mese fa. La decisione di prendere Aglietti è ponderata, più profonda, non basata solo sulle partite di campionato contro la Reggina".

Sugli obiettivi: "Non mio faccio fregare ancora una volta, me li tengo nella mia testa. La Reggina parte per fare buone cose, partiremo per fare buon campionato, onoreremo la maglia, suderemo la maglia, partiamo per salvarci. Tutto quello che verrà sarà ben accetto".