Gaz.Sport: "Catania in crisi? Non mi fido. E cambierò la mia Reggina"

16.02.2020 12:25 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Gaz.Sport: "Catania in crisi? Non mi fido. E cambierò la mia Reggina"

"Catania in crisi? Non mi fido. E cambierò la mia Reggina", scrive oggi Gazzetta dello Sport nelle pagine regionali, riportando le parole di Mimmo Toscano.

"È finita l’attesa. Il «Massimino» è pronto ad ospitare Catania-Reggina. Derby d’oltre Stretto che rimane sempre uno degli incontri più sentiti sotto l’Etna, per rivalità tra le tifoserie e punzecchiature» che non hanno risparmiato le due dirigenze. Toscano ha preparato nei minimi dettagli il delicato confronto.

I problemi in casa rossazzurra, però, non dovranno distrarre i reggini dalla voglia di impresa. «Non mi fido di nessun avversario - dice Toscano in conferenza - come è vero che in settimana ho parlato di più alla squadra rispetto alle vigilie con Bari e Ternana perché nelle situazioni del club siciliano o ti sfasci o ti ricompatti. Il Catania è una squadra di grande qualità, costruita per fare un campionato di vertice da parte nostra consapevoli che siamo tornati in fiducia e trovate le nostre certezze. Dobbiamo avere sempre fame di vittoria e quella voglia che abbiamo messo in ogni gara, coscienti di essere entrati nel momento clou del torneo».

Catania, Paganese, e Catanzaro, tutto in 10 giorni. «Alt - risponde Toscano -. Pensiamo al Catania che è una sfida sentita e molto difficile, dopo a quella successiva». Formazione top secret, così come il modulo. non facendo filtrare nulla riguardo uomini e modulo. «Ci saranno delle novità - risponde - anche a centrocampo con un terzetto idoneo al match. Credo che paradossalmente rispetto alle altre gare, la fase di non possesso sarà la cosa più importante».

«Rivas, Sounas, Bellomo, Paolucci e De Francesco possiedono qualità e caratteristiche per interpretarlo e quando la squadra si esprime bene, quel ruolo risalta maggiormente». Divario sulle inseguitrici. «Dopo il lieve rallentamento - conclude - siamo ritornati ad essere quelli che eravamo. La classifica rispecchia il nostro cammino. Siamo riusciti a ribaltare il momento negativo, ciò vuole dire che è tornata la consapevolezza di arrivare fino alla fine con le certezze»", sottolinea il quotidiano sportivo.