Serie B, il riepilogo delle gare del sabato della quindicesima giornata: Venezia chiama, Parma risponde

03.12.2023 09:45 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Serie B, il riepilogo delle gare del sabato della quindicesima giornata: Venezia chiama, Parma risponde
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Quindicesima giornata del campionato di serie B che ha visto la disputa delle gare del sabato, che hanno visto i successi di Venezia e Parma, che continuano la loro corsa in vetta alla classifica. Bene anche Modena e Cittadella, pareggio tra Pisa e Cremonese, mentre il Cosenza perde in casa contro la Ternana.

CLICCA QUI - Serie B, i risultati delle gare del sabato: bene Parma e Venezia, Cosenza ko, volano Modena e Cittadella

CLICCA QUI - La CLASSIFICA AGGIORNATA del CAMPIONATO di SERIE B

Ecco il riepilogo delle gare del sabato:

PALERMO-CATANZARO  1-2

Il Palermo cade ancora una volta in casa nell'anticipo della 15^ giornata di serie BKT. Questa volta al Barbera passa l'ottimo Catanzaro che vince 2-1 con i gol di Iemmello e Biasci. Stulac firma la rete dell'1-2 rosanero. Al 4' il primo tiro in porta per il Catanzaro è di Biasci che imbeccato da sinistra conclude non con la necessaria potenza. Al 15' grande occasione per i giallorossi con Katseris che da pochi passi in area trova la pronta risposta di Pigliacelli. Al 21' ci prova Pompetti con una conclusione dalla distanza che non trova la porta. Altrettanto alta la conclusione al volo di Scognamillo su calcio d'angolo dalla destra. Il Palermo pur mettendo in campo tanta intensità non riesce a trovare la porta avversaria se non al 36' con una conclusione timida di Mancuso. Al 44' il Catanzaro sblocca il match al termine di un'azione insistita da parte di Vandeputte da sinistra, la palla dopo un mancato anticipo di Marconi arriva a Iemmello che non si lascia sfuggire l'occasione e col sinistro infila il pallone nell'angolino basso. Inizia la ripresa e dopo 5' il Catanzaro raddoppia: palla filtrante di Vandeputte per Biasci che supera in velocità Gomes e si presenta a tu per tu con Pigliacelli che respinge la prima conclusione ma non la seconda. Al 18' azione personale di Vandeputte che avanza sulla destra entra in area e conclude a rete colpendo il palo esterno. Al 20' ancora Vandeputte da destra, palla per Iemmello, Mateju riesce a metterci una pezza salvando in angolo. Il Palermo si rende pericoloso al 25' con una conclusione di Herderson sul quale Fulignati compie un grande intervento. Al 38' la formazione di Corini accorcia le distanze: cross di Valente e stacco di testa vincente di Stulac.

COSENZA-TERNANA  1-3

Partita dai due volti al "Marulla" vinta da una sorprendente Ternana contro un Cosenza sciupone e distratto. Primo tempo a senso unico con i silani sempre padroni del gioco. Ternana di Breda invece inconsistente e sempre schiacciata nella sua metà campo. Ma ai calabresi non sono bastati nove angoli a zero per passare. E nemmeno la grande giornata di Tutino che ha colpito l'ennesimo palo della stagione e sfiorato in altre tre circostanze la rete. Al 28' deviato in corner un tiro ravvicinato di Calò. L'uscita per infortunio di Canotto chiama in causa Forte che al 37' costringe alla seconda grande parata del pomeriggio Iannarilli. Nella ripresa Ternana più vivace e meno remissiva. Cosenza involuto e spento. Al 4' la doccia fredda per i locali con il gol ospite firmato dall'ex Casasola. Il Cosenza pareggia al 9' con un rigore di Tutino assegnato per un fallo di Sorensen su Florenzi. Nuovo sorpasso umbro al 15': break fatale che Sgarbi e Meroni non riescono a evitare. Così Raimondo entra in area e fa secco Micai. Il 9 rossonero concede il bis al 24' raccogliendo sotto misura il traversone di Diakite. Piove sul bagnato tra i cosentini al 28' quando Calò si fa espellere. Finisce tra i fischi del pubblico a un Cosenza ko per il secondo turno consecutivo dopo la sconfitta di Catanzaro.

FERALPISALO'-CITTADELLA   0-1

E sono quattro. Prosegue la cavalcata del Cittadella, che mette in fila il quarto successo consecutivo e continua a scalare la classifica. A farne le spese il fanalino di coda, la FeralpiSalò, che rimedia la decima sconfitta in quindici gare. Rete decisiva ad opera di Pandolfi, alla mezz'ora: su cross di Salvi, Camporese devia la sfera. Pittarello di testa serve il compagno, che controlla e poi fulmina Pizzignacco. Nella ripresa lo stesso Pandolfi fallisce due buone occasioni per il raddoppio. Basta comunque l'1-0: il Cittadella vola, la FeralpiSalò affonda.

PISA-CITTADELLA   0-0

Pisa e Cremonese non vanno oltre lo 0-0 in una gara piuttosto nervosa dove il Pisa si è fatto preferire. Nel primo tempo la prima chance è della Cremonese che sfiora il gol con Coda che calcia a lato dopo una distrazione della difesa. Meglio il Pisa nel primo tempo con Marin Mlakar che impegnano Jungdal. I nerazzurri chiedono un rigore per un contatto in area grigiorossa Valoti-Pickel, Pezzuto lascia correre. Nella ripresa per oltre mezz'ora non ci sono grosse occasioni, poi il Pisa riesce a costruire qualcosa di interessante con Barbieri che impegna Jungdal nell'unica parata del secondo tempo. La Cremonese risponde con Zanimacchia che esalta i riflessi di Nicolas. A tempo scaduto Piccinini sciupa una grande chance. I nerazzurri salgono a quota 18, undicesimi in classifica, la Cremonese è quarta a 26 punti.

VENEZIA-ASCOLI  3-1

Quinta vittoria di fila del Venezia (7 negli ultimi 8 turni) che continua la sua corsa in testa alla classifica, ma quanta fatica e quante occasioni sprecate per superare l'Ascoli (un punto negli ultimi 5 turni) di Castori. Gran pressing bianconero in avvio, poi Johnsen beffa Adjapong e con una super giocata e manda in rete Gytkjaer (26'). Quattro minuti e Busio crossa, Altare gonfia la rete bianconera: 2-0. Viviano evita il tris di Candela al 38'. Ripresa che inizia con il gol di Masini, quindi Di Tacchio e Botteghin sciupano, Viviano tiene a galla l'Ascoli che nel finale sfiora il 2-2 prima che Gytkjaer chiuda il sipario dopo una respinta sbilenca di Adjapong.

SPEZIA-PARMA  0-1

Testa coda al 'Picco' tra Spezia e Parma, i liguri dopo il cambio del tecnico cercano di risalire la classifica, mentre i ducali devono rispondere alla vittoria del Venezia. La spntano gli ospiti all'ultimo tuffo, tornando in vetta. Nello Spezia out all'ultimo Dragowski e Bertola, con D'Angelo che conferma il 4-3-2-1 visto contro la Sampdoria. Nella prima parte il match è equilibrato, ma a rendersi pericoloso è soprattutto lo Spezia, prima con Elia che sbaglia con il destro da ottima posizione, poi con un gol di Kouda, annullato però per precedente fuorigioco di Verde. Nella ripresa la gara inizia molto frizzante con una traversa di Pio Esposito a portiere battuto. Si fa vedere anche i Parma con una conclusione alta di Mihaila, ma è lo Spezia a fare la partita creando un altro paio di pericoli. Ma i ducali nel corso della ripresa salgono di livello anche sfruttando la stanchezza di uno Spezia che ha fatto una grande gara di corsa. Zoet è bravissimo su Charpentier e poi su Man, per un finale che ha visto gli ospiti attaccare con più insistenza alla ricerca della vittoria. Gol decisivo che arriva allo scadere del recupero, con Moutinho che devia in maniera sfortunata nella propria rete su azione d'angolo.