Gaz.Sport: "Berretti in campo e niente steward, farsa a Rieti?"

17.11.2019 10:15 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Gaz.Sport: "Berretti in campo e niente steward, farsa a Rieti?"

"Berretti in campo e niente steward, farsa a Rieti?", si legge oggi su Gazztta dello Sport, pagine nazionali.

"È lontano il tempo in cui a Rieti si sognavano i gol di Bellomo, a cui avrebbe aperto le porte dello Scopigno Ezio Capuano, in un sogno di mercato di metà gennaio poi volato via. Sfocato – e non è che di 5 mesi fa – il ricordo della salvezza. Oggi è diverso: alle 15 il Rieti sull’orlo dell’esclusione, giocherà contro la Reggina schierando la Berretti. Il punto più basso mai ricordato in città, che di fasti del professionismo non ne ha vissuti tanti. Con vecchia e nuova proprietà in guerra e i calciatori in sciopero per non aver preso lo stipendio, pure mister Bruno Caneo – allievo del Gasp ai tempi del Genoa – se n’è tornato a Brescello, meditando le dimissioni qualora la situazione paradossale, vissuta finora sotto al Terminillo, dovesse ripetersi da domani.

Oggi i padroni del girone, Bellomo, Reginaldo e il tecnico Mimmo Toscano, varcheranno i cancelli dello Scopigno vuoto, metafora tangibile delle casse della società che al momento non può pagare calciatori, fornitori e dirigenti (molti già scappati). Porte chiuse: non ci sono gli steward per garantire l’ordine pubblico. Quella di oggi sarà una farsa come se ne sono già viste, in grado di falsare le sorti del girone C. Non si sa neanche chi guiderà i baby del Rieti: il vice di Caneo, Antonio Maschio, o il loro tecnico Lorenzo Pezzotti. Echeggeranno nel vuoto degli spalti le parole del numero uno della C, Francesco Ghirelli: «Su Rieti ognuno si assuma le proprie responsabilità, io per primo. I genitori facciano gli educatori nel caso giocasse la Berretti: la vicenda di Pro Piacenza è stata una lezione di negatività totale per quei ragazzi». A Rieti c’è scoramento; si aspettano fino al fischio d’inizio le maglie per scendere in campo, si spera di trovare un medico che presti assistenza al match e nell’intimo si prega il cielo di buttare giù così tanta acqua da rinviare tutto e guadagnare una settimana per le trattative tra il vecchio patron Riccardo Curci - che ora rivuole il club – e la fumosa Italdiesel. Solo un colpo di scena può salvare il Rieti e la faccia della C", si legge.