Bandecchi: "Isolare le squadre? Ecco cosa penso. Non metto a rischio la salute dei miei calciatori"

09.04.2020 13:25 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Bandecchi: "Isolare le squadre? Ecco cosa penso. Non metto a rischio la salute dei miei calciatori"

Il patron della Ternana, Bandecchi, intervenuto sui social, ha detto la sua sull'ipotesi di "ritiro blindato" per le squadre Prof, ipotesi allo studio in FIGC per far ripartire i tornei:

"Una delle ipotesi è quella di isolare le squadre, dove i calciatori si presteranno a restare isolati. Ma questo significa avere un albergo a disposizione per le squadre, avere nelle vicinanze un campo, gli addetti ai lavori dell'albergo non possono uscire dalla struttura. Si dovrà provvedere a sanificare tutto ciò che viene da fuori, bisognerà avere uno o due pullman per gli spostamenti. Si va poi a giocare in altri campi, dove a loro volta si dovrà procedere a continua sanificazione, poi ci dovranno essere a sua volta squadre che dovranno essere in ritiro"

Continua Bandecchi: "Faccio solo notare che tutti gli sport si sono arresi davanti al coronavirus. Ieri, in Italia, ci sono stati oltre 3mila infezioni. Io farei qualsiasi cosa per riprendere le attività lavorative, ma non sono disposto a prendere il coronavirus per andare a vedere una partita di calcio o per giocare una partita di calcio. Lo so che il calcio è un gran business dove circolano tanti soldi, in C i proprietari prendono un pacco di soldi e non prendono nulla. Io sto sentendo discorsi fuori dal mondo, Sky non paga i diritti tv? Non può deciderlo di pumnto in bianco, è un discorso più complesso".

Poi avverte: "Se non ci sono le condizioni di sicurezza, io non mando in campo la Ternana. Sono pronto a fare causa se un mio calciatore sarà contagiato dal coronavirus poiché è tornato in campo, io chiederò tanti soldi. La mia Ternana è pronta, giocare a calcio è divertente e bella, ma deve essere fatto in sicurezza".