Reggina, Inzaghi in conferenza stampa: "Genoa forte, ma non abbiamo paura di nessuno"

06.11.2022 15:15 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Reggina, Inzaghi in conferenza stampa: "Genoa forte, ma non abbiamo paura di nessuno"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di claudia.marrone

Filippo Inzaghi, allenatore della Reggina, ha parlato in conferenza stampa in vista della partita casalinga contro il Genoa:

"Il Genoa è un gradino sopra tutte le altre, giochiamo in casa, servirà la partita perfetta, ma ci sono i presupposti per fare una grande gara. I rossoblù hanno vinto tanto fuori casa , ma non mi sorprende, ha una rosa con tanti calciatori di A e ha comprato tanti calciatori top in B, sarà l'unica certezza di questo campionato, è la squadra più forte. Non ci snatureremo, abbiamo rispetto del Genoa, ma non abbiamo paura di nessuno. A Cagliari e a Parma ce la siamo giocata alla pari, avremo una grande spinta del pubblico, ma per fare risultato devi giocare oltre il 100%, devi sfruttare ogni occasione, ma la squadra è pronta per fare l'impresa. Abbiamo tanto da guadagnare".

Aggiunge Inzaghi: "Quando si cambiano 20 calciatori, l'allenatore e la società bisogna fare un processo di crescita giorno dopo giorno. Sono sempre più contento di essere qui, conosco sempre di più i calciatori, tra due mesi li conoscerò ancora meglio. Il processo di crescita è stato più rapido di quello che aspettavamo, sin qui non siamo mai stati messi sotto da nessuno. Speriamo che dopo la fine della gara possiamo dire di aver fatto un passettino avanti".

Sugli acciaccati: "Santander non è ancora pronto, abbiamo deciso di adoperare lo stesso percorso di Obi, senza rischiare, gli altri stanno bene e sono a disposizione. Si allenano tutti con grande intensità, le formazioni potrei farle ad occhi chiusi perché tutti sono in grado di giocare dal primo minuto".

Sulle scelte: "Si allenano tutti al massimo e questo mi rende orgoglioso. Qualcuno è penalizzato perché devo fare delle scelte, ma posso scegliere la formazione ad occhi chiusi e non sbaglierei. Spero che la squadra possa continuare così, perché possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Scelte per domani? Qualcosa potremo cambiare, voglio tenere alta la tensione in tutti i componenti, voglio riprovare tutti e voglio arrivare a gennaio con le idee chiare".

Sulla B: "La classifica non è veritiera, lo sarà a marzo. Il Frosinone era già forte l'anno scorso, quest'anno ha lo stesso allenatore e si è rafforzata. Io la classifica non la guardo granché, il mio obiettivo è quello di far crescere la squadra. Dobbiamo fare più risultati possibili e a marzo-aprile vedremo dove saremo, cercando di stare lontano dalle posizioni basse e capire cosa eventualmente giocarci. Oggi abbiamo una bella classifica, siamo agganciate alle prime, ora pensiamo al Genoa, vorrei scendere in campo pure io, i ragazzi sono impazienti di scendere in campo per questa grande partita".

Su Galabinov: "Ci vorrà tempo per riaverlo a disposizione, dobbiamo comunque aspettare gennaio, è comunque fuori lista. Ci ha fatto piacere rivederlo, avrà un mese di allenamenti a parte".

Sul centrocampo: "Pensavo che Majer potesse fare la mezz'ala, lo abbiamo messo in quel ruolo e ha fatto molto bene. In quel ruolo abbiamo Crisetig e devo scegliere, avere due vertici bassi così è importante".