Eccellenza, il riepilogo delle gare della quattordicesima giornata: il Bocale vince il derby, bene il Cittanova

11.12.2023 19:00 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Eccellenza, il riepilogo delle gare della quattordicesima giornata: il Bocale vince il derby, bene il Cittanova

Giornata quattordici del campionato di Eccellenza che vede i successi preziosi di Bocale, nel derby contro la ReggioRavagnese, e della Cittanovese contro la Paolana. La capolista Sambiase a +5 dalla seconda, il Soriano, che pareggia contro il Rende. Ko la Palmese a Isola, pari per il Brancaleone contro la Vigor Lamezia e pari del Gioiosa contro lo Scalea.

CLICCA QUI - I RISULTATI della QUATTORDICESIMA GIORNATA del CAMPIONATO di ECCELLENZA

CLICCA QUI - La CLASSIFICA AGGIORNATA del CAMPIONATO di ECCELLENZA

Ecco il riepilogo delle gare del weekend:

BOCALE ADMO-REGGIORAVAGNESE  2-0

Nell’undici titolare si rivede tra i pali Mileto, davanti a lui la collaudata linea difensiva composta da Nemia, Scoppetta, Baeza e Barnofsky. A centrocampo giocano assieme per la prima volta Urruty e Guerrisi; con loro, in posizione di raccordo, debutto per Camilleri. In avanti confermato il tridente Tossi-Alegria-De Clò. Assenti lo squalificato Arigò e gli infortunati Isabella e Santapaola. Dalla parte opposta il fresco ex Cormaci in avanti e l’altro ex Santo Buda a centrocampo; indisponibili Lavilla, Puntoriere e Polimeni, anche quest’ultimo con un passato a Bocale.

Impatta benissimo la compagine ospite, che al 5′ sfiora il vantaggio con il colpo di testa di Foti, Mileto devia oltre la traversa con la punta delle dita. Al 7′ combinazione veloce tra Cormaci e Beceiro, quest’ultimo serve in verticale Cappelletti mettendolo a tu per tu con il portiere, il suo diagonale è fuori. Il doppio rischio sveglia il Bocale che al 10′ ha una grande opportunità sulla triangolazione tra De Clò e Urruty, l’argentino sulla linea di porta trova un muro amaranto eretto con il corpo da Morabito e Foti. Dopo l’intenso avvio, il ritmo cala e le due squadre si affrontano prevalentemente a centrocampo con tanto agonismo e altrettanta correttezza. Guerrisi e Urruty formano un tandem difficilmente sormontabile, con entrambi i calciatori che trovano spesso la possibilità dell’inserimento in area e del supporto ai compagni. Senza ulteriori emozioni, il primo tempo si chiude sullo 0-0.

In avvio di ripresa mister Saviano presenta il nuovo arrivato Licciardello al posto di Baeza, aumentando il peso offensivo della squadra; Barnofksy passa in mezzo con Scoppetta mentre De Clò arretra a fare il terzino, con Licciardello ad agire sul suo stesso binario. Al 3′ il Bocale sblocca il risultato: traversone lungo di Tossi, rinvio di Falzia che colpisce male servendo Ferdinando Guerrisi appostato al limite, stop e conclusione sulla quale Morabito non può nulla. Il “Pellicanò” può esultare così come Guerrisi che riabbraccia nel migliore dei modi il suo vecchio stadio. Ci si attende la risposta del ReggioRavagnese, che però non arriva. Intanto mister Saviano cambia uomini ma non mentalità: dentro Sapone per Camilleri e il nuovo entrato al 13′ ha la palla del raddoppio, quando l’ottimo Licciardello riparte in velocità creando superiorità numerica e servendo nello spazio proprio Sapone, il quale passa in mezzo ai due difensori ma arriva lungo al momento del tiro, che termina tra le braccia di Morabito. Mister Misiti mescola le carte con i cambi e inserisce anche un altro ex biancorosso, Fabio Sottilotta, pronto a pungere in avanti. Al 25′ arriva il momento del debutto anche di Nicolau, altro attaccante, subentrato a Tossi; al neo-entrato bastano 6′ per lasciare il segno: sul retropassaggio di Cordova, Morabito cincischia con il pallone tra i piedi e l’inesauribile Alegria gli si fionda addosso, inducendolo a liberarsi della sfera con poca lucidità; il pallone finisce tra i piedi di Octavian Nicolau che non spreca il prezioso regalo natalizio anticipato, firmando il raddoppio. Un minuto dopo, servito in verticale, Nicolau potrebbe fare doppietta, ma l’uscita repentina di Morabito questa volta è senza macchia e il tocco dell’attaccante è respinto. La doppietta del romeno arriverebbe pure al 37′, quando in progressione duella spalla contro spalla con Foti, il difensore finisce a terra, Nicolau segna ma l’arbitro annulla per un fallo opinabile; al 40′ tocca a Licciardello sfiorare il tris con un’azione personale e un diagonale che non esce di molto. Standing ovation per Guerrisi, sostituito da Picone, e poco dopo applausi sconsolati nei confronti di Sapone, costretto a lasciare il campo per un fastidio muscolare, al suo posto Neri. Il ReggioRavagnese, sparito dal campo dopo il primo gol biancorosso, tenta gli ultimi assalti per riaprire la partita spedendo palloni in area con poca lucidità e il triplice fischio sancisce la vittoria nel derby per il Bocale ADMO.

Bocale ADMO-ReggioRavagnese 2-0

Bocale ADMO: Mileto, Nemia, Barnofsky, Urruty, Baeza (1’st Licciardello), Scoppetta, Tossi (25’st Nicolau), Guerrisi (40’st Picone), Alegria, Camilleri (11’st Sapone; 43’st Neri), De Clò. A disposizione: Marino, Guglielmo, Billetta, Ruggeri. Allenatore: Saviano.
ReggioRavagnese: Morabito, Falzia, Verduci, Buda, Foti, Cordova, Gatto (15’st Sottilotta), Cormaci (44’st Battaglia), Beceiro, Tersinio, Cappelletti (19’st Rinaldo). A disposizione: Currà, Iatì, calabrò, Pannuti, Toscano, Franzò. Allenatore: Misiti.
Arbitro: Pasqua di Vibo Valentia (Graziano e Vommaro di Paola).
Marcatori: 3’st Guerrisi, 31′ Nicolau.
Note: ammoniti Baeza (B), Camilleri (B), Buda (R), Guerrisi (B), Scoppetta (B), De Clò (B); angoli 6-2; recupero 2’pt, 4’st.

BRANCALEONE-VIGOR LAMEZIA  0-0

Torna a casa con un punto dalla trasferta di Brancaleone la Vigor Lamezia al termine di una gara intensa, con due squadre messe bene in campo e che a conti fatti si sono annullate a vicenda. Nessuna rete, qualche imprecisione sotto porta da entrambe le parti, ma bravi anche i portieri delle due compagini quando chiamati in causa.

La contesa si apre con un'azione pericolosa della Vigor Lamezia al 3', quando Percia Montani serve Verso il cui diagonale sfiora il palo, sfumando l'occasione. Il 12', è il turno di Galletta D. con un tentativo respinto senza problemi da Columbro, il portiere ospite. Al 14', Nwankwo prova dal limite, ma la conclusione è una facile preda per il portiere biancoverde.

Al 28', un calcio d'angolo crea un'opportunità d'oro per Galletta G., che però si fa ipnotizzare dal portiere avversario sciupando un gol fatto.

l secondo tempo inizia con Galletta S. che da fuori area tenta la conclusione, ma Columbro respinge e, successivamente, sventa l'angolo battuto dallo stesso giocatore di casa al 9'. Al 18', Spanò, appena entrato in campo, prova un tiro al volo che sfiora il bersaglio.

Al 19', il cross di Percia Montani si trasforma in un tiro, mettendo alla prova il portiere Laganà. Al 24', Curcio prova una punizione, ma Laganà è bravo a anticipare Catania. Al 31', Foderaro G. mette al centro per Bernardi, che incredibilmente si fa ipnotizzare dal portiere di casa fallendo un rigore in movimento.

ISOLA CAPO RIZZUTO-PALMESE   4-1

Senza storia la partita al Sant’Antonio: l’Isola Capo Rizzuto trova la via del gol per ben otto volte, ma quattro di queste sono fermate dalla terna arbitrale e alme- no due in maniera dubbia. Dall’altra parte una Palmese spenta che non riesce mai ad entrare in partita.

Apre le marcature Maesano, al quarto gol stagionale. Il raddoppio arriva al 25’: punizione di Martino e gran colpo di testa di Manzi per il 2-0.
Al 40’ cross debole dalla sinistra, la palla finisce a Militano che a due passi dal portiere accorcia. Nella ripresa Lentini trova il 3-1 su calcio di rigore e nel finale chiude la partita con un sinistro potente.

CITTANOVA-PAOLANA  2-0

Bruciante la partenza dei padroni di casa che già al 2’ riescono a passare con un bel diagonale in piena area di Condemi, servito alla perfezione da Infusino. Occorre attendere il 19’ per il raddoppio dei locali: angolo battuto da Condemi e di prima intenzione Sapone scaraventa la palla in rete. Al 27’ Tapparello a conclusione di un’azione personale spara sul portiere in uscita, sul finire Negro sciupa a due passi dalla linea di porta.

GIOIOSA JONICA-SCALEA   0-0

Padroni di casa senza vittorie da sei partite. Il Gioiosa non riesce nemmeno a sfruttare la superiorità numerica per l’espulsione di Rossitto al 23’ del primo tempo.
Scalea al 2’ va vicino al gol con Bertucci che si trova solo davanti a Commisso ma calcia fuori. Al 41’lo Scalea va vicinissimo al vantaggio con un gran tiro di Barbarossa. Nella ripresa il Gioiosa ha due buonissime occasioni per segnare, nei minuti di recupero Ca- vallaro si trova solo davanti a Garnero
ma il suo tiro da distanza ravvicinata è deviato in angolo dal portiere ospite.