LIVE TUTTOREGGINA! LA PRESENTAZIONE DI TOSCANO, Gallo: "Servono uomini di categoria". Toscano: "Serve l'aiuto di tutti"

PER AGGIORNARE LA PAGINA PREMERE F5 o EFFETTUARE IL REFRESH
25.06.2019 10:02 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
LIVE TUTTOREGGINA! LA PRESENTAZIONE DI TOSCANO, Gallo: "Servono uomini di categoria". Toscano: "Serve l'aiuto di tutti"

MIMMO TOSCANO

Se la società mi chiederà di valutare anche il settore giovanile, con me si sfonda una porta aperta. Se sono arrivati i risultati, vuol dire che si è lavorato bene. Anche gli altri club non hanno grosse strutture. Se si tornasse un pò indietro nel tempo e fare capire i sacrifici ai ragazzi, forse verrebbero fuori molti calciatori importanti

È prematuro dire di puntare su una competizione piuttosto che un'altra. La Coppa Italia la puoi sostenere se hai un organico lungo e se nei 18 ci sono tutti elementi di qualità. Voglio una squadra aggressiva, propositiva, che se la possa giocare contro chiunque, una squadra che non molla mai. Nel girone C ci sono poche squadre capaci di giocare bene, negli altri gironi è leggermente diverso, ci sono tanti giovani interessanti, ci sono squadre organizzate e di qualità, un livello più alto. Nel girone C, la differenza tra squadre importanti e squadre meno strutturate per fare un torneo importante sono maggiori.

Michele Napoli sarà il mio secondo, Andrea Nocera il preparatore atletico e Stefano Pergolizzi preparatore dei portieri. Conoscevo Andrea Nocera per i rapporti di amicizia che ho anche con Massimo Drago. Era dell'organico della Reggina, ci ho fatto una chiacchierata e molte idee sono collimate, è un grande professionista.

Sono state tante le notti insonni dopo la proposta della Reggina. Guidare la squadra della tua città è una grossa responsabilità. Ma ho avuto una grande spinta da parte del presidente, ho visto tanta voglia di fare e costruire. Il Sant'Agata è l'emblema di voler dare una struttura solida a questa società. Noi staremo attenti a commettere meno errori possibili.

C'è un'idea per la nuova squadra, bisogna avere il materiale giusto per poter svolgere determinati intendimenti. Non sono un tecnico integralista, ho giocato con la difesa a tre o a quattro ma non solo.

Serve senso di appartenenza, unità di intenti, cultura del lavoro, permettere ai tifosi di immedesimarsi nei calciatori che scendono in campo.

Sull'aspetto tecnico siamo andati in maniera marginale, successivamente faremo le valutazioni sui singoli calciatori, affidandomi anche a chi li conosce meglio. Ma privilegeremo l'aspetto umano dei calciatori. Si parte da una base di 55 punti, che non sono pochi. L'acquisto più importante è il pubblico come quello ammirato contro il Monopoli. Rivedere tanto entusiasmo mi ha lasciato a bocca aperta.

Ritrovo tante persone che in passato ci ha legato a momenti particolari. La trattativa? Ci sono situazioni più o meno facili, la mia era una situazione difficile. Ringrazio la società per avermi aspettato, non tutti l'avrebbero fatto. Il mio sogno era quello di tornare nella mia città e sedermi sulla panchina amaranto. Sarà un campionato arduo e difficile, si riparte dal settimo posto e noi dobbiamo essere bravi a lavorare duramente. Sarà un campionato difficile, ci saranno tante squadre agguerrite. Bisogna avere le idee chiare e prendere una direzione. Bisogna essere compatti, ogni componente può portare a casa dei punti

Dire di essere felice non rende l'idea, ho tante emozioni dentro.

Il ritiro? Stiamo valutando.

 

LUCA GALLO:

Voglio ringraziare la filiale di Intesa San Paolo di Reggio Calabria per l'emissione della fidejussione per il Sant'Agata. 

Mimmo Toscano lo abbiamo inseguito per parecchio tempo, ci abbiamo pensato su ed è la scelta migliore per noi. Sono estremamente contento per l'arrivo del tecnico.

Il fatto che Reggio Calabria fosse una città con determinate problematiche era una cosa notoria. Lo sapevo quando sono venuto ad investire e sono venuto qui sapendolo, sapevo che magari mi potevo imbattere in determinate situazioni, ma ho preferito Reggio ad una qualsiasi città che non ha certe problematiche. Serve solo risolverla, tocca al Comune farlo, ma vorrei improntate questa stagione tutti insieme, tutte le componenti devono remare nella stessa direzione per ottenere un risultato importante. Ma non intendo creare frizioni, a me piace Reggio, la Reggina e me la prendo con tutte le problematiche.

La Viola Basket? Un mese fa ho chiesto informazioni, mi dispiaceva come stavano andando le cose. Ci ho pensato su e solo pensandoci mi ero accorto che mi toglieva qualcosa nel mio pensiero fisso, la Reggina. Ancora alla Reggina non abbiamo fatto nulla a livello sportivo, ho pensto di non mettermi in mezzo a questa situazione e l'ho comunicato alle Istituzioni più di un mese fa".

L'esposizione per il Sant'Agata è molto importante, si parla di 1,2 milioni di euro per il Sant'Agata, relativamente all'acquisizione da Curatela e Città Metropolitana, più 1,5 milioni di euro per le migliorie. Per l'iscrizione devi sistemare tutte le pendenze, ogni singola pendenza e per iscrivere la Reggina al campionato ho dovuto sistemare ogni singola situazione. Costruire una sede al Centro città, forse qualcosa che mi potevo risparmiare, ma che ho voluto fare perché la parte societaria amministrativa è di mia competenza. Sulla parte sportiva ho il mio staff che ha la competenza per poter decidere, peraltro uno staff abbastanza nutrito. Detto ciò, se io investo dal punto di vista societario, allora io mi aspetto risultati dal punto di vista sportivo e tecnico, quindi io sottolineo che non esiste alcun ridimensionamento, tutt'altro. Questo è un campionato difficile, bisogna prendere calciatori adatti alla categoria, calciatori che hanno peculiarità per la categoria, soprattutto dal punto di vista umano.

La problematica del Granillo non creerà di certo ostacoli alla concessione dello stadio e con il finanziamento del Credito Sportivo.

Un bilancio primi mesi? Non ho fatto ancora nulla, lo dico sempre a chi mi saluta.

Il club Reggina è un sodalizio completamente sano. Quando sono arrivato era una barca alla deriva, faceva acqua da tutte le parti. Il club è sano, completamente risanato, non ha un euro di debito. Sede, store e Sant'Agata facevano parte di un progetto per il rilancio del club. Abbiamo centrato gli obiettivi che ci eravamo prefissati a gennaio, anche lo stesso marchio. Ora possiamo concentrarci sull'aspetto sportivo-tecnico. Possiamo definire la Reggina un club virtuoso.

 

E' il giorno di Mimmo Toscano, nuovo allenatore della Reggina. Il tecnico, reggino doc, si presenta alla guida della sua squadra del cuore e dunque si dà ufficialmente il via alla nuova stagione calcistica.

Segui la conferenza stampa LIVE del tecnico, che incontra la stampa allo stadio Granillo, si parte alle ore 11.