REGGINA - Tutti gli africani amaranto: da Diè a Samb, passando per Kallon e Adejo

 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 952 volte
REGGINA - Tutti gli africani amaranto: da Diè a Samb, passando per Kallon e Adejo

Un altro senegalese in amaranto. Falou Samb è il nono calciatore africano che indosserà la ultracentenaria casacca della Reggina

Il precursone assoluto fa Serge Aristide Diè, centrocampista della Costa d'Avorio giunto in amaranto dall'Africa Sports nell'allora mercato di riparazione novembrino del 1997. Restò in amaranto sino al 2001, presente anche nella stagione della prima promozione in A e nella stagione della prima esperienza in massima serie per la Reggina, scese in campo in quattro occasioni. Eroico e precursore.

Nella prima stagione in A c'era l'indimenticabile Mohammed Kallon, proveniente dalla Sierra Leone, e qui stiamo parlando del calciatore africano più forte mai transitato sullo Stretto. Nell'unica stagione in amaranto, 30 presenze e 11 reti messe a segno e comunque il primo amaranto a segnare nell'Olimpo del calcio italiano. Nella storia.

Ci sarà anche un altro sierraleonese che indosserà l'amaranto, quel disastroso Rodney Strasser, indicato come uno dei migliori prospetti di casa Milan, ma naufragato sullo Stretto con quella Reggina che torno in serie C dopo 20 anni tra A e B. Da settembre 2013 a gennaio 2014, colleziona 22 presenze e sopratutto tante critiche per una forma non proprio scintillante. Da dimenticare.

La Reggina, negli anni del boom degli stranieri, ha sempre mantenuto una certa ossatura autarchica e sopratutto ha pescato nel Sudamerica, senza provare a "sperimentare" la proposta africana. Con Adejo è un caso del tutto particolare. Il giovanissimo Dani è stato pescato nell'Este, Veneto, e su di lui i vari tecnici delle giovanili prima e della Prima Squadra poi, ci hanno lavorato parecchio per trasformarne la posizione, sino a diventare un centrale difensivo: con la maglia amaranto, l'esordio in A e sette stagioni da fedelissimo, con 161 presenze e 3 reti all'attivo. Nei nostri cuori.

Nel gennaio del 2008, la Reggina chiude per il prestito di Stephen Makinwa. Di lui è notoria l'iper velocità e la capriola con la quale usa celebrare ogni sua rete, oltre che una discreta esperienza nel calcio italiano, con le maglie di Genoa, Atalanta e Palermo. A Reggio è un flop, con una forma non proprio "accattivante" e con molti "giri a vuoto": alla fine collezionerà la miseria di 9 presenze, senza lo straccio di un gol che sia uno. Bidonati.

Ad agosto 2010, arrivò il colored Ousmane Sy, nato in Francia, ma senegalese di origine: ma non lasciò un bel ricordo. Insieme a lui dal Milan arrivò in pompa magna  Dominic Adiyiah, attaccante dalla velocità e dalle qualità importanti, mai dimostrate in amaranto e nel prosieguo della carriera: oggi si sono perse le tracce (calcisticamente). 

L'anno scorso, invece, presenti in rosa il senegalese Lo, quasi mai impiegato da Zeman, e il congolese Bangu, che invece lasciò un gran bel ricordo ai tifosi amaranto