LE PAGELLE DELLA REGGINA - Difesa disastrosa, Tassi è l'unica nota lieta della serata, Franchini entra bene

05.11.2018 23:45 di Giovanni Cimino Twitter:   articolo letto 1437 volte
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
LE PAGELLE DELLA REGGINA - Difesa disastrosa, Tassi è l'unica nota lieta della serata, Franchini entra bene

LICASTRO 5 - Mezzo voto in più perché costretto ad un balletto incredibile da luglio sino a qualche giorno fa per il suo tesseramento. Chiamato in causa all'ultimo secondo, non si fa trovare pronto e regala, purtroppo, tante incertezze alla retroguardia. O per mancanza di budget o altro, la sua gestione è stata disastrosa.

KIRWAN 5 - Un solo lampo, quando mette la palla per il momentaneo 1-1, poi viene asfaltato da Blaze.

CONSON 4,5 - La difesa va a picco, senza attenuanti. Non bastano le incertezze di Licastro, ma ogni pallone sembra una pietra. Nel finale non riesce ad accorciare su Franco.

SOLINI 4,5 - Anche lui alza presto bandiera bianca, si fa uccellare da Vivacqua sul 2-1, nella ripresa è protetto dalla "cortina di ferro" eretta da Cevoli.

ZIVKOV 4 - Viteritti e Germinio lo trasformano in un sparring partner.

SALANDRIA 5 - Soffocato dalla pressione della mediana dirimpettaia, esce per un problema fisico. (dal 40' FRANCHINI 6 - Impatto importante, assist decisivo per il gol del momentaneo 2-2. Nella ripresa è costretto a fare il terzino aggiunto e ci riesce anche abbastanza bene. E' il dodicesimo della rosa, la prima alternativa ai titolari, con tante cose positive forse sta diventando qualcosa di più.)

ZIBERT 5 - Preso in mezzo alla morsa del Rende, sembra capirci davvero troppo poco.

MARINO 5,5 - La controfigura del calciatore della scorsa stagione, i suoi compiti continuano ad essere troppo limitanti per questo ragazzo che sino a qualche mese fa rappresentava un possibile gioiello da mettere in vetrina. Si sbatte parecchio, ma è difficile da solo contro tutto il Rende. Sacrificato (dal 69' NAVAS sv)

TULISSI sv - La sua serata dura appena 13', il tempo di impegnare Sabato. L'impressione è che avrebbe potuto fare male alla difesa biancorossa, ma non era al meglio, causa botta subita in allenamento. (dal 13' TASSI 7 - La serata perfetta, nella partita peggiore della Reggina. Due gol da attaccante rapace, da killer d'area di rigore. Due gol splendidi, i primi tra i Prof. La Reggina forse ha trovato un finalizzatore perfetto per il gioco "tutti dietro e pregare in un contropiede", di certo il segnale lanciato da Tassi è pesante: almeno tu...)

UNGARO 5 - Snaturato come accade nelle ultime settimane da falso nueve, ammira, seppur a distanza, la "lezione" di Rossini, anche lui punta atipica. Da vice Tulissi è costretto nuovamente ad adattarsi "all'indietro tutta" ordinato da Cevoli. (dal 69' BONETTO sv)

SANDOMENICO 5,5 - Abbonato il secondo tempo in cui è costretto a fare da terzino, lo si vede solo in avvio quando impegna Savelloni, poi è costretto a dare peso in attacco e si slega un pò con il resto della squadra.

 

CEVOLI 5 - Magra figura contro un Rende che spadroneggia più di quanto abbia detto il risultato. Coperta troppo corta nel primo tempo, in cui Viteritti-Laaribi da un lato e Blaze-Vivacqua dall'altro, sembrano i "Magnifici Quattro". Sfortunato con la frittata di Licastro, poi sono i due cambi forzati a portare al gol, segnale che forse le scelte non sono impeccabili. Nella ripresa decide deliberatamente di abbassare tutti nella linea di difesa, per portare a casa almeno il punticino, segnale di netta inferiorità rispetto al brillante Rende di Modesto: sarebbe stato lecito aspettarsi un pizzico di coraggio in più. Al netto di problematiche e difficoltà, il suo bottino alla guida della Reggina è assai magro: contro la Paganese è impossibile non vincere.