CALCIO CAOS - Repubblica: "Lo scandalo della serie B: 18, 19, 20 o 22 squadre?

14.01.2019 15:53 di Redazione Tuttoreggina Twitter:   articolo letto 1286 volte
© foto di Antonio Vitiello
CALCIO CAOS - Repubblica: "Lo scandalo della serie B: 18, 19, 20 o 22 squadre?

Repubblica.it, con un articolo a firma Fulvio Bianchi, parla della clamorosa vicenda del format della B, che di fatto sta bloccando la decisione sui criteri di promozione e retrocessioni dalla C.

Ecco cosa scrive la versione online del quotidiano:

"Il consiglio federale della Figc, convocato per il 30 gennaio, dovrà sciogliere (si spera definitivamente) il nodo della serie B. Una vicenda scandalosa che si trascina dalla scorsa estate. Ora la serie B è a 19 squadre: lo decisero la Lega e il commissario Fabbricini lo scorso agosto. Il consiglio federale del 18 dicembre ha stabilito che deve tornare, il prossimo anno, a 22 squadre come prevedono le Noif (norme organizzative interne) della Federcalcio. La Lega cadetta vuole scendere addirittura a 18, e lo proporrà nella prossima riunione, mentre il presidente Gabriele Gravina, nel suo programma elettorale, parlava di venti squadre. Una situazione farsesca che mina la credibilità del calcio e che mette in serie difficoltà i presidenti. Gravina dovrà dimostrare forza e carattere il 30, non è più il momento di prendere tempo. Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, vuole dare certezza ai suoi club sui ripescaggi, sui format. "La partita è chiusa: il prossimo anno la B sarà a 22 come abbiamo già stabilito. Inutile che Lotito tenti una prova di forza, non servirà a nulla. Se necessario voteremo in consiglio: abbiamo la maggioranza per imporci".

Sarà una battaglia durissima: i club di B minacciano un ricorso contro il governo del calcio se il format sarà a 22, loro non ci stanno assolutamente. Molte sono le grane sul tavolo di Gravina: ha ereditato una situazione difficilissima, è vero, ma è arrivato il momento di prendere decisioni non solo sulla B, tema scottante, ma anche su razzismo, violenza, Club Italia, giustizia sportiva, impiantistica, settore tecnico, eccetera. Per ora, in questi mesi, è stato fatto troppo poco. Gravina ha due anni davanti e vuole lasciare il segno: il 30 gennaio è sin troppo tardi per riunirsi, il mercato chiude il giorno dopo e i club (di B, di C) hanno diritto di sapere come sarà la prossima stagione.

C'è un altro problema, anche questo scandaloso come ha evidenziato Francesco Ghirelli. "Una precisazione per i naviganti distratti relativamente ai club che hanno presentato una fideiussione (Finworld, ndr) non valida: a) io ricevo e parlo con tutti e a tutti dico la stessa cosa; B) consiglio di presentare una nuova fideiussione valida secondo quanto previsto dalla normativa Figc. Aggiungo, sarebbe auspicabile smetterla con i ricorsi; C) capisco la sofferenza dei singoli club ma la loro situazione è insopportabile per la serie C; D) farò di tutto, io uomo delle regole, perché al danno non segua la beffa!". Più chiaro di così. Non si farà magari tanti amici, ma di fronte a questo sfascio non si può più fare finta di nulla. Ghirelli è anche impegnato sul fronte della violenza, ha ottimi rapporti con il capo della Polizia, Gabrielli, e con la responsabile dell'Osservatorio, Daniela Stradiotto. Incontra prefetti e questori. E' arrivato il momento di dare una svolta dopo aver perso troppi mesi con un commissariamento che ha lasciato ruggini profonde"
.