REGGINA - Il primo difensore è Ciavattini. L'agente a TuttoReggina: "Gli amaranto ci puntano molto: essere a Reggio è un onore"

29.06.2018 20:29 di Giovanni Cimino Twitter:   articolo letto 3445 volte
REGGINA - Il primo difensore è Ciavattini. L'agente a TuttoReggina: "Gli amaranto ci puntano molto: essere a Reggio è un onore"

La Reggina ha il suo primo difensore della rosa 2018-2019: Stefano Ciavattini, classe 1998, acquistato a titolo definitivo dalla Roma.

L'oramai ex capitano della Primavera giallorossa ha sottoscritto con il club amaranto un contratto triennale: nell'era Praticò, mai nessun calciatore aveva strappato un accordo così lungo.

A parlarci del ragazzo è il suo agente, Alessandro Floris, che fa parte della Reset Group e segue da vicino il neo amaranto, insieme al collega Giuseppe Vottari: "Stefano è un difensore centrale molto rapido, nonostante i 185 centimetri di altezza, agile e dalla buona tecnica. E' il classico difensore di qualità, che può interpretare più ruoli e che può far iniziare da dietro l'azione".

Una stima "antica" quella di Taibi per il calciatore: "La Reggina ha insistito molto per avere Stefano, in un primo tempo pensavamo di fare l'operazione con la Roma, poi il discorso seconde squadre ha messo tutto in standby e alla fine si è deciso di anticipare il discorso e accettare la proposta della Reggina, che è stata la prima a cercarlo e con una certa insistenza, anche perché poi parliamo di una grande piazza e per Stefano abbiamo preferito questo tipo di soluzione. Era importante mettere il ragazzo a disposizione dell'allenatore già al primo giorno di ritiro. Chiaramente la figura di Taibi è una garanzia per noi, siamo rimasti colpiti dal fatto che lui ha espresso un certo gradimento per Stefano e ci siamo fidati di lui".

Il triennale non è un dettaglio da poco: "Chiaramente un accordo così lungo sta a significare che la società ci punta parecchio, anche in visione di un salto di categoria, che noi ci auguriamo possa arrivare con la Reggina. Lui viene a Reggio per giocare, è ovvio, ma qualsiasi calciatore deve meritare la maglia in ogni allenamento e in ogni partita. Sicuramente parliamo di un ragazzo molto serio e un grande lavoratore".

Buona fortuna Stefano!