FRANCESCO ZIZZARI, la scheda

16.07.2010 20:09 di Danilo Mancuso  articolo letto 1385 volte
F.Zizzari, neo acquisto amaranto
F.Zizzari, neo acquisto amaranto

Francesco Zizzari è una punta. E’ nato a La Spezia il 31 maggio del 1982, alto 1,84m per 74 kg.
Il suo esordio avviene nel 2000-2001 nel Baracca Lugo, in serie D: alla sua prima esperienza nel calcio professionistico totalizza 30 presenze e mette a segno 4 reti. La stagione successiva gioca ancora in serie D, ma questa volta nel Brindisi: 28 gettoni e ancora 4 gol. Nella stagione 2002-2003 fa un doppio salto di categoria, passando allo Spezia in C1, tuttavia né nella squadra della sua città, né nel Pordenone (dove si trasferisce nel mercato di riparazione) riuscirà a mettersi in mostra. L’anno successiva torna allo Spezia, sempre in C1, dove riesce a realizzare 2 reti in 11 presenze. Da qui in avanti, fa una lunga esperienza nel campionato di C1: prima al Pavia (32 presenze e 10 reti), poi alla Pistoiese (26 gettoni, 4 gol), per passare nuovamente allo Spezia e nella stagione 2006-2007 al Grosseto, dove con 32 presenze e 7 reti contribuisce alla storica promozione dei maremmani in serie B. Ma la cadetteria, dopo la parentesi della Lucchese Libertas (C1, 12 presenze e una rete), la "assaggerà" con il suo Spezia, dove si trasferisce nel gennaio 2008: saranno 19 le presenze e 2 le reti alla sua prima e fino a oggi ultima esperienza in B. La stagione 2008-2009 approda al Ravenna di mister Atzori, e sotto la gestione dell’attuale tecnico amaranto disputa la migliore performance della sua carriera: 26 presenze e 15 reti per Zizzari, che sfiora il ritorno in cadetteria. Ritorno che avviene la scorsa stagione a Pescara, dove contribuisce alla promozione del Delfino con 3 reti in 21 gare.

Zizzari è andato poche volte in doppia cifra nel corso della sua lunga esperienza in Lega Pro prima divisione. Tuttavia, è un attaccante che sotto porta si fa rispettare, essendo dotato di una buona freddezza e di un buon colpo di testa. Darà sicuramente il suo contributo a un reparto, quello offensivo, che se si esclude Bonazzoli (per il quale si sta cercando una nuova sistemazione) è privo di prima punte.