LEGA PRO GIRONE C - I provv. del Giudice Sportivo dopo la nona giornata: due turni a Kosnic

18.10.2016 15:30 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
LEGA PRO GIRONE C - I provv. del Giudice Sportivo dopo la nona giornata: due turni a Kosnic

Ecco i provvedimenti del Giudice Sportivo dopo le gare della nona giornata del girone C della Lega Pro:

PROVVEDIMENTI VERSO CALCIATORI:

Due giornate di stop: Pezzella (Casertana), Kosnic (Reggina), Marruocco (Paganese)

Una giornata di stop: Pozzebon (Messina), Empereur (Foggia), Prezioso (Virtus Francavilla), Alcibiade (Paganese), Albadoro (Fondi), Carillo (Akragas), Signorini (Fondi)

 

PROVVEDIMENTI VERSO DIRIGENTI:

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 30 NOVEMBRE 2016 E AMMENDA € 500.00 per MELUSO (LECCE)

 

PROVVEDIMENTI VERSO SOCIETA':

Ammenda di 2500 euro per il MELFI "perché propri sostenitori, al termine della gara, accompagnavano il rientro della terna arbitrale negli spogliatoi facendoli segno di reiterati insulti ed al lancio di una bottiglietta d'acqua semipiena che cadeva nelle adiacenze del direttore di gara; i medesimi lanciavano una bottiglietta piena d'acqua in direzione di calciatori della squadra avversaria, senza conseguenze".

Ammenda di 2000 euro per il LECCE "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere prima dell'inizio della gara nel recinto di gioco un petardo di notevole potenza".

Ammenda di 1500 euro per il MATERA "per indebita presenza sul terreno di gioco, prima dell'inizio della gara e negli spogliatoi nell'intervallo, di persona non identificata ma riconducibile alla società".

Ammenda di 1000 euro per il CATANIA "perché propri sostenitori in campo avverso introducevano, accendevano e lanciavano sul terreno di gioco due fumogeni, senza conseguenze".

Ammenda di 1000 euro per la VIRTUS FRANCAVILLA "perché propri sostenitori in campo avverso due volte durante la gara intonavano cori offensivi verso le forze dell'ordine".

Ammenda di 1000 euro per il MONOPOLI "perché propri sostenitori introducevano e facevano esplodere nel proprio settore un petardo, senza conseguenze".