LIVE TUTTOREGGINA! Gallo in conferenza stampa: "Taibi ha altro anno di contratto, con Baroni..."

PER AGGIORNARE LA PAGINA PREMERE F5 o EFFETTUARE IL REFRESH della PAGINA
21.05.2021 14:55 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
LIVE TUTTOREGGINA! Gallo in conferenza stampa: "Taibi ha altro anno di contratto, con Baroni..."
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

Il presidente della Reggina 1914 srl, Luca Gallo, ha tenuto una conferenza stampa per parlare dei temi caldi in vista della prossima stagione sportiva:

"Il club e la società restano al di là dei protagonisti che recitano dentro la società. La Reggina resta a prescindere, al di là chi va via e chi resta. Restano Taibi e Baroni? Chi può dirlo che anche per me non vale lo stesso? Non bisogna dare nulla per scontato".

Sul futuro di Taibi: "L'ho incontrato in settimana, abbiamo parlato per un'ora. Lui ha un contratto con la Reggina, non capisco di cosa dovevamo parlare con lui. Abbiamo parlato con lui delle strategie di mercato, delle strategie tecniche e sportive. Ho letto che lui potesse essere contattato da altre squadre, ma é sotto contratto e non é una cosa lecita e corretta".

Su Baroni: "C'é una trattativa, non verte su aspetti economici. Verte su altri aspetti, c'è la volontà della Reggina di continuare il rapporto con Baroni, ma i contatti si sottoscrivono in due".

Sull'ingresso di nuovi sponsor: "Reggio é una città importante, tanti hanno intenzioni ma non devono restare tali. Quando bisogna fare fronte alla gestione della Reggina 1914, le intenzioni non servono a nulla. Dopo l'ultima stagione, abbiamo piú necessità di non limitarsi alle intenzioni... Ci sono i brand che si avvicinano alla Reggina, il marchio Reggina é uno dei più importanti a livello nazionale: chiunque vorrebbe avvicinarsi alla Reggina".

Eventuali nuovi ingressi in società: "Ho sempre viaggiato da solo nella mia storia imprenditoriale. Non riesco a contemplare un socio di minoranza, lo escludo completamente. A me piace decidere da solo, il mio lavoro é quello. Non riuscirei a confrontarmi con un altro socio, anche di minoranza. Però continuo a dire che la Reggina é qualcosa di certo e questo lo sarà al di là di chi ci lavora oggi".

Sul settore giovanile: "É da quando sono arrivato che cerco di metterci mano. Io ho preso una società che aveva tanti problemi. Il Centro Sportivo sembra Gardaland, é qualcosa di straordinario, ma serve principalmente per tirare su i ragazzi del vivaio. Le giovanili sono un mio cruccio, l'unica mia soluzione é quella di individuare un professionista che possa darmi una mano e risolvere una volta per tutte il problema".

Sulla prossima serie B: "La A é la A, la serie B é la serie B, non c'è paragone. La serie B é più digeribile per un club come la Reggina, non la vedo come un'A2".

Sugli aiuti del Governo: "Le società di calcio professionistiche sono totalmente sulle spalle dell'imprenditore che le gestisce. Il Governo può fare quello che vuole, ma quando si va sul pratico tocca all'imprenditore fare fronte. Lascio queste cose a cui ci capisce di più, il nostro direttore generale é straordinario sotto questo punto di vista. Ribadisco che per me non é calcio senza tifosi, con gli stadi vuoti. Sembrava tutto normale stare nello stadio senza la gente, sembrava normale giocare una gara in casa e non avere alcun introito. Anche il gap tra una squadra che ha un pubblico più risicato e una squadra che ha una tifoseria come la Reggina, é stato completamente annullato. Giocare le partite ha comportato solo spese. Abbiamo giocato una stagione intera, con tutte quelle partite in casa, senza avere un euro di incasso. Niente abbonamenti, nulla di nulla. La Reggina aveva fatto seimila abbonati in C, in B quanti ne avrebbe fatti? ".

Aggiunge Gallo: "Spero che la prossima stagione possa cambiare qualcosa in tal senso, perché non si può ripetere una stagione del genere. É stata un'annata surreale. Io non so quanti club potranno iscriversi al campionato, non so quanti potranno fare una campagna acquisti all'altezza".

Sul bilancio del club: "Sarà a posto, non ci saranno problemi. Ho garantito io per tutto, perché la Reggina é la cosa più bella che ho. Ho fatto tutto con grande felicità e lo rifarei".

Sulle strategie di mercato: "Acquistare i cartellini dei calciatori? Si ricollega il tutto al discorso dei mancati introiti, non possiamo acquistare anche i cartellini dei calciatori. Gestire una società di calcio é come gestire una famiglia. Se il capofamiglia perde il lavoro e bisogna pagare affitto e da mangiare, allora bisogna logicamente fare dei conti. Io non ho introiti, però devo fare la squadra. C'è chi mi dice che non compro cartellini? Dico di andare a comprarlo lui il cartellino. Io ora vado a programmare una stagione senza aver avuto un introito. Certamente ci sta il discorso di patrimonializzare la società, ma dipende tutto dal momento storico del calcio".

Sulla politica del club sul mercato: "É un dato di fatto che squadre che hanno speso meno di altre si stanno giocando la serie A. Voglio fare una campagna acquisti differente rispetto all'errore fatto nell'anno scorso. Nessuno può dire che Menez non é un grande calciatore, o lo stesso Faty. Abbiamo preso determinati calciatori perché pensavamo che erano ottimi calciatori. In questa stagione hanno dimostrato di meno di quello che valgono".

Sull'embargo a TuttoReggina e Gazzetta dello Sport: "Mi scuso per quanto avvenuto in questa stagione, non dovrà accadere più".

Gallo aggiunge su Baroni: "É un allenatore preparato, una persona seria. Spero possa arrivare la fumata bianca".

Conclude Gallo: "Quest'anno non é stato calcio, un'altra stagione cosí non si può fare".