LND, anche il Livorno sparisce: cancellato dalla serie D

05.08.2021 17:00 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
LND, anche il Livorno sparisce: cancellato dalla serie D
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano/Tuttolegapro.com

Anche il Livorno Calcio saluta il panorama calcistico italiano, sebbene il club granata era finito in serie D dopo le "disgrazie" sportive. La LND ha difatti escluso la squadra labronica dal torneo 2021-2022

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, riunitosi oggi nel Salone d’Onore del CONI a Roma, ha deliberato in ordine alle ammissioni ai campionati nazionali di Serie D, Serie C femminile e della Divisione Calcio a 5. Con l’apertura dei lavori, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, ha relazionato il Consiglio sulla bontà della prima puntata della Giovane Italia, andata in onda su Sky Sport ed ha ringraziato il CONI per aver messo nuovamente a disposizione della LND, il prestigioso Salone d’Onore complimentandosi per i successi azzurri a Tokyo. Sibilia ha informato il Consiglio sull’incontro avuto con il sottosegretario di Sato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, con delega allo sport, Valentina Vezzali, nel quale ha ribadito l’esigenza di destinare al calcio dilettantistico risorse adeguate per fronteggiare il difficile momento. L’ex schermitrice azzurra, ha garantito al Presidente della LND che ci sarà la massima attenzione verso il mondo del calcio dilettantistico. Al termine dell’introduzione del presidente Sibilia, la parola è passata al dott. Paolo Longoni della Co. Vi.So.D, che ha esposto le decisioni assunte dall’organismo competente.

In relazione al Campionato Interregionale (Serie D) riammesso il Gozzano Calcio, iscritto in sovrannumero, alla Serie D 2021/22. Non iscritte Belluno e San Giorgio perché non hanno presentato la domanda. La Co.Vi.So.D ha espresso parere negativo sulla posizione del Livorno Calcio. La domanda di iscrizione del club labronico è stata giudicata non ammissibile per la non idoneità del campo di gioco indicato in luogo della non disponibilità dell’impianto comunale, oltre al non assolvimento degli obblighi finanziari.