"Catania, verità con il Francavilla, poi la cessione", le ultime in vista del playoff

30.06.2020 11:04 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Giuseppe Scialla
"Catania, verità con il Francavilla, poi la cessione", le ultime in vista del playoff

"Catania, verità con il Francavilla, poi la cessione", si legge su Gazzetta dello Sport in merito alle ultime da casa rossoazzurra.

"Per novanta minuti sarà confronto agonistico, sul campo. Il Catania che il Tribunale metterà in procedura competitiva, almeno per stasera giocherà a calcio. Alle 20,30 il Massimino riaccenderà, forse inaspettatamente, le luci per il confronto dei playoff contro il Francavilla.

I rossazzurri giocheranno il primo turno degli spareggi contro un avversario che in campionato hanno battuto all’andata (2-1, a segno Lodi e Curcio) proprio in casa, mentre nel match di ritorno della seconda giornata lo 0-0 ha soddisfatto tutti. Adesso sarà tutta un’altra storia. È in palio il passaggio al turno successivo. Nulla può essere gestito, nulla può essere rimandato. E i rossazzurri hanno avuto poco tempo per riannodare il filo tattico e mentale dopo i tre mesi di stop per la pandemia, aspettando al pari delle avversarie le decisioni della Lega che fino all’ultimo è stata in bilico tra il congelamento del campionato e il ritorno alle gare.

Ieri i rossazzurri hanno sostenuto la rifinitura a Torre del Grifo. Lucarelli ha provato gli ultimi schemi da applicare stasera in campo. Tutti convocati i rossazzurri che si sono alternati dopo la pausa forzata. C’è da scegliere i titolari e mettere a punto il modulo che partirà da una quasi certezza: la difesa a quattro che era rodata già da tempo. Furlan o Martinez? Il dubbio sulla scelta del portiere titolare è un piacevole rompicapo per l’allenatore toscano. Poi linea della retroguardia con, da destra verso sinistra, Calapai, Mbende, Silvestri, Pinto. La mediana? Biagianti e Vicente? Possibile. Curcio sarà il regista dietro una punta avanzata. E anche in questo caso, Lucarelli deve scegliere tra un ritrovato Curiale che è reduce da un lungo infortunio e Beleck. Accanto a Curcio dovrebbero agire Mazzarani e Biondi.

Come in tutti gli altri campi, non ci sarà pubblico oggi al Massimino. Un freno per i rossazzurri che hanno sempre avuto la spinta di un pubblico di categoria superiore, che ha vissuto gli anni della Serie A spostando gli equilibri delle partite con l’incitamento a piè sospinto. I tifosi, tuttavia, stanno aspettando soprattutto la convocazione del bando competitivo per la cessione del club. Infatti la decisione del Tribunale etneo è attesa da un momento all’altro. Questione di ore dopo una lunghissima, snervante, attesa condita pure da polemiche.

In una vigilia anomala per tanti motivi, a guardare con occhi particolarmente attenti questa gara ci saranno i 20 e passa soci che hanno formato la cordata etnea, la Sigi, in corsa per rilevare il Catania accollandosi tutti i debiti e i costi dell’operazione (si parla di 54 milioni). Nelle prossime ore il comitato per l’acquisizione potrebbe anche entrare in possesso del club aprendo di fatto una nuova era nella martoriata, avvincente storia rossazzurra. Ed è quello che una buona parte di città si augura. Ma stasera si gioca e tutto è rimandato al post gara".