Caiata: "Eventuale rifiuto AIC della cassa integrazione sarebbe da assassini"

29.03.2020 17:20 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Salvatore Colucci/TuttoPotenza.com
Caiata: "Eventuale rifiuto AIC della cassa integrazione sarebbe da assassini"

Il presidente del Potenza, Salvatore Caiata, intervenuto ai canali social del club rossoblù, ha parlato della riduzione degli stipendi ai calciatori, ma sopratutto dei rumors che vorrebbero l'AIC contraria alla misura della cassa integrazione:

"Abbiamo un problema fondamentale, una interpretazione del ministero delle ultime ore pare escluda i calciatori dal ricorso alla Cassa Integrazione. Su questo il Governo sta facendo un emendamento al decreto Cura Italia'affinché venga loro riconosciuta, in due scaglioni, fino a 50 mila euro di reddito lordo. Ma ciò che ha lasciato basiti molti noi presidenti è il rumors secondo cui i giocatori non vogliano adire alla Cassa Integrazione perché ritengono di dover riscuotere tutto dalle società. Questo è uno schiaffo indegno e non etico".

Rincara Caiata: "In un mondo in cui ci sono migliaia di persone che stanno finendo i soldi a casa, che non sanno che tipo di aiuti avranno, che non sanno come far mangiare le proprie famiglie, che non sanno come andare a fare la spesa, rifiutare la Cassa Integrazione è proprio da assassini, è una cosa indegna e vergognosa. Noi viviamo un mondo dorato: uno che gioca a calcio e che ha già riscosso 8 stipendi su 12 e che può integrarli con la Cassa Integrazione, in un momento in cui il Paese è in ginocchio e le aziende chiudono, la si rifiuta? Se i giocatori faranno così, perderanno il rispetto di tutti"