Riccardi: "Riscrivere il protocollo. In alcune aree serve "sospensione" del calcio"

27.10.2020 13:10 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Riccardi: "Riscrivere il protocollo. In alcune aree serve "sospensione" del calcio"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Speranza, intervenuto alla trasmissione Mediaset Tiki Taka, ha parlato della situazione legata al contagio da Covid-19 nel mondo del calcio:

"Il protocollo va sicuramente riscritto. Era stato fatto a maggio in una fase dell'epidemia calante e che si riferiva alla conclusione del campionato, non alla gestione ordina del campionato in una fase di recrudescenza del virus. Ora è anche peggio di maggio perché ci approssimiamo all'inverno e la situazione non è più localizzata come nella prima fase"

Continua Ricciardi: "Il calcio in Italia rappresenta molto di più  che un semplice sport. Ma questo non deve andare a scapito della salute. Le priorità attualmente sono quelle di alimentare il Paese anche dal punto di visto produttivo con le fabbriche devono continuare a produrre".

Si rischia quindi lockdwon del pallone? "Spero di no ma l'indice di contagiosità che vediamo in alcune aree del nostro Paese è preoccupante: Vedi Milano, Napoli e Roma. Alcune zone del Piemonte e Liguria. Servirebbero delle chiusure mirate che scongiurerebbero uno lockdown generalizzato. Mi spiace perché se non ci fosse stato il "liberi tutti" sarebbe stato molto più facile tutto".

Sulla "sospensione" del calcio: "In alcune aree sarebbe necessario e bisognerebbe farlo subito, bastano 2-3 settimane per risollevare la situazione".