Gazzetta dello Sport: "Cosenza, rincorsa incredibile: salvo! Juve Stabia lotta ma finisce in C"

01.08.2020 11:25 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Gazzetta dello Sport: "Cosenza, rincorsa incredibile: salvo! Juve Stabia lotta ma finisce in C"

"Cosenza, rincorsa incredibile: salvo! Juve Stabia lotta ma finisce in C", scrive Gazzetta dello Sport in merito al successo dei Lupi

"Il Cosenza è salvo. La squadra che meglio ha fatto nel campionato del dopo lockdown con 22 punti, centra la permanenza in Serie B e spedisce in C la Juve Stabia. Dieci tappe per scalare la montagna. Ripida, molto ripida. Le ultime cinque sono state leggendarie: le ha vinte tutte. E alla fine ce l’ha fatta, grazie anche a un allenatore giovane e cosentino doc. Roberto Occhiuzzi, da debuttante, ha firmato l’impresa. E, a proposito di cosentini, il gol di Garritano a Verona è stato un segno del destino: lui nato e cresciuto a due passi dal Marulla, ex Cosenza, ha firmato il gol che ha sì regalato la vittoria al Chievo ma allo stesso tempo ha condannato il Pescara al playout e spinto i rossoblu verso la salvezza. Il venerdì del Cosenza era cominciato con migliaia di tifosi ad attendere l’arrivo della squadra allo stadio. Occhiuzzi per la quarta partita consecutiva ha confermato la stessa formazione, scelta premiata visto il doppio vantaggio dopo poco più di venti minuti. Caserta ha invece cambiato la difesa e schierato un 4-3-1-2 con Di Mariano alle spalle della coppia formata da Forte centrale e Canotto defilato sulla sinistra. Ed è la Juve Stabia nella prima parte di gara ad andare più vicina al gol proprio con l’attaccante calabrese il quale ha approfittato di un errore di Idda ma con i piedi ha respinto Saracco. Dall’altra parte Sciaudone non ha fallito: dagli sviluppi di un calcio d’angolo ha sfoderato un destro al volo imprendibile per Provedel. Il Cosenza ha approfittato del momento di sbandamento dei campani e ha provato a chiudere la partita: Allievi ha messo giù Carretta e dal dischetto ha trasformato Rivière.

Va riconosciuto alla squadra di Caserta che non si è mai arresa. La traversa di Forte è stato un campanello d’allarme e l’uscita di Carretta per infortunio ha dato più fiducia ai campani, i quali dagli sviluppi di un angolo hanno trovato il gol con Tonucci complice l’errore in uscita di Saracco. Lo stesso portiere si è riscattato sulla punizione di Calò, a conferma che sulle palle inattive la Juve Stabia è una delle migliori. Nel secondo tempo è stato un susseguirsi di emozioni, dal salvataggio di Calò sulla linea sul colpo di testa di Rivière al palo pieno centrato da Di Mariano e alle parate di Saracco. Caserta le ha provate tutte con una squadra super offensiva ma Rivière al 13° gol stagionale (regolare, visto il tocco di Cisse) ha chiuso la partita. Alla fine l’esplosione di gioia e i fuochi di artificio dei tifosi: il Cosenza si è ripreso la Serie B", si legge sul quotidiano sportivo.