Italia, riparte la caccia al Mondiale. Mancini: "Orgogliosi di aver fatto felici 60 milioni di italiani"

30.08.2021 16:30 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Italia, riparte la caccia al Mondiale. Mancini: "Orgogliosi di aver fatto felici 60 milioni di italiani"
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Imago/Image Sport

(FIGC) - È stato il quartier generale della Nazionale anche nelle ‘Notti Magiche’ di quest’estate, ieri sera per la prima volta gli Azzurri ci sono tornati da Campioni d’Europa. Un mese e mezzo dopo il trionfo di Wembley, Chiellini e compagni si sono ritrovati a Coverciano: Roberto Mancini ha deciso di ripartire dal gruppo che ha regalato all’Italia il secondo titolo continentale della sua storia (assente solo l’infortunato Spinazzola) e che adesso è chiamato a conquistare il pass per il Mondiale di Qatar 2022.

Accolto dall’applauso dei giornalisti presenti, il Ct si accomoda in sala stampa con accanto la Coppa alzata al cielo lo scorso 11 luglio. A Coverciano già campeggiano le immagini della notte londinese: “Scherzavamo sempre sul fatto di dover vincere per mettere foto anche qua – esordisce in conferenza - le hanno messe. Abbiamo vinto l'Europeo e abbiamo fatto felici noi stessi e soprattutto 60 milioni d'italiani, ci ha reso orgogliosi aver dato felicità a queste persone, dal bambino di 3-4 anni alla persona di 80-85. Tutti sono felici per quanto abbiamo fatto, anche chi non seguiva il calcio". Mancini non teme che la sua Nazionale sia appagata e che, anche inconsciamente, possa sottovalutare i prossimi impegni: “Non credo, anche all’Europeo i ragazzi hanno dimostrato di sapere che per vincere bisogna sempre essere concentrati al massimo".

In testa alla classifica del Gruppo C dopo i successi nei primi tre match disputati a marzo, l’Italia può ipotecare la qualificazione nelle tre sfide che l’attendono con Bulgaria (Firenze, Stadio 'Artemio Franchi', 2 settembre ore 20.45), Svizzera (Basilea, Stadio 'St. Jacobs Park', 5 settembre ore 20.45) e Lituania (Reggio Emilia, Stadio del Tricolore, 8 settembre ore 20.45). Cercherà quindi di allungare la striscia di 34 risultati utili consecutivi, con il record mondiale detenuto dalla Spagna che dista solo 90 minuti (35 gare senza sconfitte tra il 2007 e il 2009).

"Possiamo migliorare in questi 14 mesi che vanno da qua al Mondiale – avverte Mancini – prima però dobbiamo affrontare cinque partite di qualificazione. Il primo obiettivo è raggiungere la qualificazione, poi penseremo alla fase finale e a prepararci bene". E a chi gli chiede se il successo ottenuto attraverso il bel gioco lo abbia reso un modello da seguire per gli altri tecnici replica: “Magari fosse così, ma non lo è. Uno deve giocare per divertire e divertirsi, ma si può vincere anche in altri modi. Ci sono state altre vittorie importantissime con squadre che hanno giocato in maniera diversa. Ci vuole sempre un buon gruppo, affiatato, con qualità enormi, poi ogni allenatore pensa di giocare a modo suo, con le sue idee".

È innegabile che le partenze di campioni come Ronaldo e Lukaku abbiano tolto un po’ di lustro al campionato, ma Mancini guarda avanti, a quei giovani che potrebbero mettersi in mostra in una Serie A che ha perso anche Gigio Donnarumma: “I giocatori che sono andati via dall'Italia sono stati presi da squadre che economicamente sono più forti, ma erano venuti qui per riaffermarsi. Questo vuol dire che il nostro campionato non è così scadente, poi è chiaro che è un peccato perderli perché i giovani guardando dai campioni migliorano sempre. Credo ci siano giovani italiani che possono avere grande futuro nei club e in nazionale. Donnarumma non sta giocando? E’ solo perché è arrivato un po' in ritardo rispetto agli altri giocatori del Psg”.

Dopo l’infortunio di Lazzari Mancini preannuncia la probabile convocazione di Calabria e intanto è felice di riaccogliere Nicolò Zaniolo, tornato a vestire la maglia della Nazionale a distanza di un anno dall’infortunio accusato nel settembre scorso in occasione della sfida di Nations League con i Paesi Bassi: “L’importante è che Zaniolo stia bene e che abbia recuperato, non c’è un problema di ruolo”.

Detto che Jorginho merita il Pallone d’Oro (“sta facendo bene da anni e nel 2021 ha vinto tutto”), il Ct punta su due giovani attaccanti che possono rappresentare il futuro della Nazionale: “Kean l'abbiamo lasciato a casa prima dell'Europeo con grande dispiacere, ma dicendogli che sarebbe tornato. Deve giocare bene e comportarsi da professionista. Scamacca ha fatto tutta la trafila nelle Nazionali giovanili, volevamo portarlo prima per conoscerlo meglio, ma non c'è stata la possibilità anche perché era in Under 21. Ha caratteristiche diverse dagli altri attaccanti e in futuro potrebbe esserci molto utile".