Gravina sulla SuperLega: "Nel sistema attuale qualcosa non funziona". Riforme e sostenibilità..

22.04.2021 13:45 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
Gravina sulla SuperLega: "Nel sistema attuale qualcosa non funziona". Riforme e sostenibilità..
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Il presidente della FIGC, Gravina, intervenuto a margine della presentazione degli eventi legati alla tappa italiana di Euro 2020, ha commentato i fatti degli ultimi giorni della SuperLega, non alzando troppo i toni:

"Qualcosa non funziona e deve essere approfondito. È uno stimolo perché è una responsabilità dirigenziale, servono rimedi e proposte per evitare altre fughe in avanti".

Sui fondamenti della SuperLega sottolinea: "Ma in economia aziendale questo ragionamento è sbagliato: va bene il tentativo di avere maggiori ricavi, ma devi farlo stando molto attenti ai costi". In sostanza: devi saper guadagnare, ma soprattutto saper spendere. Meglio e magari pure meno sennò addio sostenibilità. E su questo filone, Gravina promette una progettualità specifica della Figc per aiutare i club a monitorare i costi, ma anche un discorso su scala europea. Era stato proprio il presidente federale a scrivere a tutte le federazioni europee e ai sindacati dei calciatori e dei tecnici per invocare un’inevitabile riduzione dei compensi nella tempesta della crisi.

Insomma, non tutti i temi sollevati dai creatori della SuperLega sono sbagliati, scrive in tal sesno Gazzetta dello Spoprt: "Proprio nella sede della Figc, a settembre, il presidente della Fifa Gianni Infantino si era posto il problema di «proteggere» le partite più importanti ed evitare calendari troppo stressati da mille manifestazioni. Parole che si riferivano anche a quel calo di appeal del prodotto calcio, soprattutto fra i giovani, segnalato da diversi sondaggi. Un tasto su cui batteva anche il progetto Superlega. Questo tema attraversa molte questioni, in Italia pure la riforma dei campionati. Su cui Gravina ha promesso un’accelerazione decisiva. Anche questo può evitare nuove «fughe in avanti» o altri spericolati progetti di Superlega".