REGGINA, TRA SOGNO E REALISMO FINALMENTE SI RICOMINCIA

24.09.2020 13:06 di Valerio Romito   Vedi letture
REGGINA, TRA SOGNO E REALISMO FINALMENTE SI RICOMINCIA

Alla fine è di nuovo campionato, dopo un’attesa infinitamente lunga e soprattutto inedita durata oltre sei mesi: sabato pomeriggio la Reggina ritroverà il campo e quella serie B trionfalmente conquistata dopo qualche anno (di troppo) tra inferno e purgatorio.

Il calcio (giocato) di casa nostra è ovviamente mancato moltissimo a tutti noi, ma non si può negare che il lungo periodo di attesa non sia stato proficuo di argomenti di discussione, dalla querelle riguardante il risultato finale di un campionato sospeso che, per fortuna e per merito, ha arriso allo strapotere stagionale amaranto, al lunghissimo calciomercato inaugurato dal “botto” Menez e che proprio in queste ore sta delineando la forma definitiva del nuovo organico reggino, ma alla fine ciò che importa è che la palla tornerà finalmente a rotolare.

E sempre in tema di campagna rafforzamento, il dibattito attuale verte (e non potrebbe essere altrimenti) sulle reali potenzialità che la squadra di Toscano potrà fare valere in un campionato cadetto tra i più difficili e competitivi dell’ultimo decennio: tra comprensibili sogni di gloria della gente, alimentati dalle ambizioni presidenziali, ed un più sobrio realismo dei quadri tecnici sulla presenza di compagini tecnicamente ben dotate ed economicamente importanti, sta al tifoso dimostrare di aver raggiunto quella maturità che consentirà alla squadra, durante la lunga stagione, di godere del giusto ed indispensabile sostegno ma al netto di pressioni probabilmente eccessive in mancanza di quella consapevolezza di poter far molto bene, ma non ad ogni costo, in un torneo così impegnativo ma che, almeno oggi, rappresenta per la città una dimensione estremamente appagante e dignitosa.

Il tutto, purtroppo, ancora con gli stadi vuoti o quasi, ed alzi la mano chi può negare che gli amaranto possano essere tra i più penalizzati nel non poter sfruttare la forza del Granillo, che già nella categoria inferiore ha dimostrato di non avere nulla da invidiare a realtà della massima serie: filtra però un certo ottimismo sulla possibilità di una prossima apertura almeno significativamente parziale, state l’unità di intenti di quasi tutte le componenti del governo del calcio e non solo.

Buon campionato Reggina.