Reggina, termine del 16 maggio: eventuale recidiva, cosa dice il regolamento

11.05.2022 17:10 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Reggina, termine del 16 maggio: eventuale recidiva, cosa dice il regolamento
TUTTOmercatoWEB.com

Il prossimo 16 maggio i club di B e C dovranno dimostrare il versamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi alle mensilità di novembre e dicembre 2021. La data era stata stabilita nel corso del Consiglio Federale FIGC del 21 dicembre 2021 e si trattava delle scadenze posticipate a seguito dei provvedimenti governativi di sostegno per le società sportive a seguito del Covid

Nel COMUNICATO UFFICIALE N. 131/A, si fa cenno anche delle possibili pene in caso di mancato adempimento:

"il mancato rispetto del termine del 16 maggio 2022, comporta l’applicazione, a carico della società responsabile, della sanzione della penalizzazione di almeno 2 punti in classifica, da scontarsi nella stagione sportiva 2022/2023".

Nel caso della Reggina 1914 srl si tratterebbe di recidiva, visto che è stato mancato il precedente termine federale per Irpef e Inps. In ogni caso, va ricordato, che si tratta di una fattispecie che poi dovrà accogliere il TFN e decidere se applicare o meno la recidiva. In tal senso, l'articolo 18 del CdS scrive:

"..alla società, ai dirigenti, ai tesserati della società, ai soci e non soci che hanno subito una sanzione per fatti costituenti violazione delle norme federali e che ricevono altra sanzione per fatti della stessa natura nella medesima stagione sportiva, è applicato un aumento della pena determinato secondo la gravità del fatto e la reiterazione delle infrazioni.

2. La condanna ad una delle sanzioni previste dall'art. 8, comma 1, lettere d), e), f), g), h), i), l), m) è valutata, ai fini della recidiva, anche per le infrazioni commesse nella stagione sportiva successiva".

Dunque, l'ipotesi dell'esclusione immediata dal campionato è un un colpo di sole di chi l'ha propinato alla gente.  In ogni caso, l'eventuale penalizzazione di 4 punti da scontare nella prossima stagione, qualora non si rispettasse il termine del 16 maggio, sarebbe davvero il male minore nel caso della Reggina 1914 srl.