REGGINA, "Rullo amaranto, la ripartenza per evitare una vera beffa. Parla Taibi"

01.04.2020 12:11 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
REGGINA, "Rullo amaranto, la ripartenza per evitare una vera beffa. Parla Taibi"

"Rullo Reggina, la ripartenza per evitare una vera beffa", si legge oggi su Gazzetta dello Sport, pagine nazionali.

"Il ritorno in Serie B, doveva essere una formalità a 8 turni dalla chiusura. Ma quale decisione prenderà il Palazzo, arrovella il cervello in casa Reggina e tra i tifosi. Nessuno vuole pensare a manovre strane per “scippare” la B conseguita sul campo, frantumando record. Il direttore sportivo Massimo Taibi, sottolinea lo stato delle cose. «Ci atteniamo soprattutto alle indicazioni ministeriali - dice dalla sua residenza emiliana - e alle decisioni del Consiglio Federale della Figc. Mi auguro che il campionato possa ripartire, obbligatoriamente se ci saranno i presupposti in termini di salute, altrimenti si andrà alla cristallizzazione delle classifiche. Le prime in testa dei 3 gironi hanno dimostrato di meritare il salto di categoria, per la quarta squadra mancante si può guardare alla migliore seconda. Tuttavia l’80% dei tornei sono stati giocati. Spero sempre di poter tornare in campo, significherebbe aver lasciato alle spalle il silenzioso killer. Se non fosse possibile, mi aspetto che ci siano promozioni e retrocessioni, come più volte ha manifestato Gravina».

Sull’annullamento dei tornei, come ha paventato qualcuno. «Si fa un pò di confusione - replica Taibi -, perché questa eventuale decisione non spetta ai club e alle varie leghe calcio ma alla Figc. Moralmente prendo in considerazione le parole di Bandecchi e Sebastiani, che hanno evidenziato come la Reggina meriti sul campo la vittoria del campionato».

Taglio degli stipendi. «Come Reggina non abbiamo affrontato questo argomento con i calciatori, attendiamo le decisioni tra l’Aic e Figc. Il nostro presidente si atterrà alle decisioni degli organi preposti. Con Galliani, mio ex dirigente al Milan, abbiamo parlato di tante cose, siamo tutti fiduciosi nel buon esito. L’ipotesi di perdere la promozione non la prendo in considerazione. Tornare in campo potrebbe eliminare eventuali contenziosi al Tar, poiché qualcuno rimarrà scontento. Se ripresa sarà, la prevedo a porte chiuse per precauzioni»", si legge sul quotidiano sportivo.