Reggina, presentata documentazione per iscrizione. Le tappe che porteranno a via libera della FIGC

22.06.2022 19:30 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    vedi letture
Reggina, presentata documentazione per iscrizione. Le tappe che porteranno a via libera della FIGC
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Andrea Rosito

La Reggina ha inviato la documentazione richiesta dalla FIGC per l'iscrizione al prossimo campionato di serie B. Si apre adesso la fase della verifica da parte della Covisoc, che entro il prossimo 1 luglio darà l'esito dell'istruttoria

Il complesso processo di ammissione terminerà il giorno 8 luglio, quando il Consiglio Federale si pronuncerà in merito ai ricorsi dei team bocciati in prima istanza. Gli esclusi potranno ulteriormente fare ricorso al Collegio di Garanzia del CONI.

Ecco il dettaglio relativo alle tappe per il via libera delle domande per le ammissioni ai campionati:

La Co.Vi.So.C. e la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi, entro l’1 luglio 2022, esaminata la documentazione prodotta dalle società e quanto trasmesso dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B, verificato l’assolvimento dei pagamenti da parte delle società ed effettuati gli ulteriori accertamenti, comunicano alle società l’esito della loro istruttoria, inviando copia della comunicazione per conoscenza alla FIGC ed alla Lega Nazionale Professionisti Serie B.

In caso di esito positivo della istruttoria da parte di tutte e due le suddette Commissioni, la domanda di concessione della Licenza si intende accolta. Le società che non sono risultate in possesso dei requisiti richiesti per l’ottenimento della Licenza Nazionale ai fini della partecipazione al Campionato di Serie B 2022/2023 possono presentare ricorso motivato avverso la decisione negativa della relativa Commissione.

In sede di ricorso non potrà essere presentata documentazione ulteriore rispetto a quella già esaminata dalla competente Commissione, né potrà essere effettuato e/o integrato alcuno degli adempimenti richiamati ai precedenti Titoli I), II), e III), il cui termine perentorio è fissato al 22 giugno 2022. Il ricorso deve essere depositato presso la Commissione competente, entro il termine perentorio del 6 luglio 2022, ore 19:00.

Il ricorso deve essere corredato, a pena di inammissibilità, da una tassa unica di euro 15.000,00. Detto importo sarà restituito solo in caso di accoglimento del ricorso.

Le Commissioni adite esprimono, entro il 7 luglio 2022, parere motivato al Consiglio federale sui ricorsi proposti. La decisione sulla concessione delle Licenze Nazionali verrà assunta dal Consiglio federale in data 8 luglio 2022.

Avverso la decisione del Consiglio federale, che neghi la Licenza Nazionale per la stagione sportiva 2022/2023, è consentito ricorso alla Sezione del Collegio di Garanzia dello Sport sulle controversie in tema di ammissione ed esclusione dalle competizioni professionistiche, ai sensi del relativo Regolamento approvato con delibera n. 1667 del 2 luglio 2020, del Consiglio Nazionale del CONI.