REGGINA, IL PAGELLONE FINALE – DIFENSORI: LA SORPRESA ARRIVA DALLA GRECIA

15.05.2021 20:30 di Valerio Romito   Vedi letture
REGGINA, IL PAGELLONE FINALE – DIFENSORI: LA SORPRESA ARRIVA DALLA GRECIA

STAVROPOULOS 7,5 – Pescato dalla massima serie ellenica in quota under, il giovane centrale, dopo essere rimasto in naftalina nei suoi primi trascorsi in amaranto, interrotta da un paio di apparizioni caratterizzate da altrettante topiche piuttosto clamorose, da dicembre in poi ha avuto la capacità di ritagliarsi un ruolo da protagonista a suon di buone prestazioni in cui ha saputo dimostrare eccellenti doti in marcatura e nel gioco aereo in cui si è spesso dimostrato praticamente insuperabile anche al cospetto di avversari ben più navigati, dimostrandosi a sorpresa l’elemento più continuo dell’intero reparto, nonché un possibile patrimonio per la società

CIONEK 7 – Elemento dal passato importante caratterizzato da diversi campionati di A e tante presenze in nazionale polacca, l’ex spallino ci ha messo qualche settimana per trovare una sufficiente forma fisica vista anche l’età non più giovanissima, per una stagione disputata in costante crescendo, anche grazie al passaggio alla difesa a 4 in cui ha dimostrato di sentirsi molto più a suo agio, piglio da leader e tanta pericolosità anche in area avversaria, seppur sia riuscito a trovare la rete soltanto nei titoli di coda

DI CHIARA 7 – Anche per lui una partenza “in sordina”, probabilmente dovuta alle contraddizioni sul ruolo da ricoprire in campo, e quadratura trovata da terzino basso per valorizzarne al massimo le qualità, elemento imprescindibile per gli equilibri tattici della squadra, tanti chilometri percorsi e tantissimi palloni giocati, tanto da renderlo una sorta di regista aggiunto, preziosi assist ed una rete a suggellare l’importante successo di Venezia

LAKICEVIC 6,5 – Prelevato dal Genoa a titolo definitivo a gennaio, terzino destro puro dotato di ottimi fondamentali, si è fatto gradire per la costanza di rendimento e la pulizia degli interventi, oltre che dimostrarsi uomo spogliatoio e, di conseguenza, elemento su cui certamente si punterà per il prossimo futuro

DELPRATO 6,5 – Il “giovane vecchio” del reparto di difesa cresciuto nella cantera bergamasca, sin dai primi giorni ha dimostrato un livello di maturità inconsueto per un calciatore della sua età, nonché una duttilità tattica che gli consente di essere utilizzarlo in più zone del campo, dalla mediana sino a difensore centrale, anche se si lascia preferire da laterale di difesa, pochi i passaggi a vuoto in una annata che certamente può averlo consacrato per una carriera a buoni livelli

LIOTTI 6,5 – Non si può dimenticare come il jolly nativo di Vibo sia stato, nel momento di maggiore difficoltà del collettivo, colui che travestito da bomber aveva tenuto a galla le sorti amaranto a supplire la “stitichezza” del reparto offensivo, il cui arricchimento dopo il mercato di riparazione lo ha di fatto messo un po’ indietro nelle gerarchie di squadra, in cui però si è sempre fatto trovare pronto all’occorrenza per una stagione per lui comunque da record grazie alle cinque realizzazioni personali

LOIACONO 6,5 – Divenuto capitano amaranto dopo la cessione di De Rose, anche lui progressivamente ha dovuto assumere un ruolo da comprimario per l’esplosione di Stavropoulos dopo un girone di andata vissuto da titolare, ma la cui grande serietà ed attaccamento alla maglia gli hanno consentito di fornire un prezioso contributo ogni qualvolta gli veniva richiesto

DALLE MURA 6 – Ragazzo giovanissimo ma dalle chiare potenzialità sin qui appena intraviste, ha pagato oltre i suoi demeriti alcune insicurezze palesate nelle ultime uscite, in cui probabilmente non andava gravato di responsabilità in quel momento più adatte ad elementi più rodati, ma che non andranno certamente ad inficiare un prosieguo di carriera radioso anche in ben altre categorie