Gaz.Sport, De Rose: "Reggina prima perché non lascia nemmeno le briciole"

20.11.2019 11:09 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Gaz.Sport, De Rose: "Reggina prima perché non lascia nemmeno le briciole"

"Reggina prima perché non lascia nemmeno le briciole", scrive oggi Gazzetta dello Sport nelle pagine regionali.

"Lo stop forzato nell’ultimo turno per la Reggina, costretta a fare da spettatrice per il caos di Rieti, può essere un danno? Cioè un freno per una squadra lanciatissima in vetta e che nel weekend ha anche aumentato il vantaggio sulla Ternana? Francesco De Rose, cosentino, capitano della squadra, nonché uno degli uomini più influenti dello spogliatoio, sta già affilando le armi per il derby personale contro il Rende, suo vicino di casa.

«Questa pausa obbligata non inciderà - risponde -, noi comunque ci siamo fermati sostenendo un allenamento molto intenso. La nostra mente adesso è occupata alla sfida di sabato sera col Rende». Una prima parte di campionato a suon di record per gli amaranto, le avversarie sono distanziate, ma il campionato con i 3 punti a vittoria impone massima attenzione.

La Reggina guarda tutte dall’alto. «Non sono sorpreso della nostra classifica, perché siamo un gruppo solido e unito che fa tanti sacrifici. La vetta non è una cosa inaspettata. Non voglio guardare in casa altrui, ma a noi stessi e pensare a tutto quello che abbiamo fatto sino ad ora. Siamo contenti di quanto realizzato finora e faremo di tutto per difendere il primo posto. Bari e Ternana, tuttavia, sono formazioni attrezzate che ci daranno filo da torcere, però i verdetti li dá solo il campo».

Volata finale col botto per concludere l’anno solare, la strada sembra in discesa, ma De Rose frena. «Le ultime 5 uscite (Rende, Teramo, Viterbese, Sicula Leonzio e Francavilla) del 2019 - chiosa il numero 10 - sono ancora più importanti di quelle che abbiamo sin qui disputate. Non dobbiamo dare nulla per scontato, ogni match ha la sua storia e le altre metteranno il doppio delle forze per batterci. E quando si affronta la prima della classe tutte vogliono vincere. Calendario facile? Assolutamente no: sono sfide difficili, più che con Bari e Ternana».

Con il mercato il torneo può subire dei cambiamenti. «In generale sarà un altro campionato - conclude -, perché ci saranno tante squadre che faranno dei calcoli e giocheranno le gare in altro modo rispetto ad oggi. Nel nostro DNA c’è invece la voglia di scendere in campo e vincere, senza mai accontentarci. Questo gruppo mi ha sorpreso proprio per questo, vogliamo anche le briciole». Rende avvisato", si legge.