Ennio Russo a Radio Gamma No Stop, l'intervista completa: "Difficile ritorno in campo della C. Reggina, il primo posto è consolidato"

21.05.2020 21:15 di Redazione Tuttoreggina Twitter:    Vedi letture
© foto di Andrea Rosito
Ennio Russo a Radio Gamma No Stop, l'intervista completa: "Difficile ritorno in campo della C. Reggina, il primo posto è consolidato"

Ennio Russo, consulente tecnico del presidente della Reggina, è intervenuto a Radio Gamma No Stop e ha toccato numerosi temi caldi dell'attualità del club amaranto e non solo:

"E' stata una riunione interlocutoria. Secondo me non è cambiato nulla negli ultimi 15 giorni. I proprietari delle squadre di C non hanno risolto i problemi delle loro aziende e non possono tornare in campo con il protocollo studiato dalla FIGC: solo per i tamponi servirebbero almeno 50mila euro, una cifra spropositata per la C. Senza contare che mancheranno incassi e gli sponsor che hanno problemi ad onorare gli impegni. In serie A hanno provato ad applicare norme meno restrittive e ci sono comunque problemi, figuriamoci in C".

Continua Russo: "Anche la questione dei contratti dei calciatori è tutta da valutare. Quale calciatore metterebbe a rischio un accordo già raggiunto con una nuova società. E se questo discorso vale per la serie A, figuriamoci per la serie C. In terza serie ci sono tanti calciatori in prestito da altri club e il 30 giugno tutti questi calciatori tornerebbero alle rispettive squadre di provenienza".

Russo sul "contrasto" tra FIGC e Lega Pro: "I tempi li detta il Consiglio Federale, tra una settimana magari accadrà il contrario. Ricordo che poi per dare il via libera all'inizio del campionato, poi i club devono votare e già nella precedente votazione molte che hanno diritto di giocare i playoff hanno votato contro.- In serie C ci sono tante società in grossa difficoltà, i presidenti pensano principalmente alle loro aziende e non al calcio, in serie B è una situazione diversa. Certamente ora va fatto un chiarimento all'interno della Lega".

Sulla Reggina: "Si sta pensando ai playoff, ma non saranno certamente coinvolte le capoliste dei gironi, è una cosa fuori dal mondo. E' un'ipotesi assai inverosimile, ma sopratutto impensabile. Il primo posto della Reggina è consolidato, è in testa da 20 giornate, con ampio vantaggio, abbiamo meritato di essere primi".

Sui pensieri del presidente: "Lui è tranquillo, è normale che è un periodo difficile per tutte le aziende. Lui partirebbe già domani mattina, non ci sono problemi per la Reggina, abbiamo le strutture giuste e le giuste motivazioni".

Sul futuro: "Pensiamo un passo alla volta. L'aspirazione del presidente è chiara, non si va in B per partecipare e basta, ma per fare bene. Ma è un discorso che si affronterà una volta raggiunto il traguardo".

Sulle riforme: "E' fondamentale fare le riforme dei campionati. Secondo me però non si può fare subito, ma per l'annata successiva. Fare una riforma come quella ipotizzata può ingenerare confusione. Se si ammettono le squadre sino al settimo posto, allora qualcuno si lamenterebbe e poi i criteri di ammissione possono portare a problemi e difficoltà. In C poi non ci sono le mutualità che ci sono in A e B".